Sanità in Regione: al centro la fusione Ist-San Martino

Audizione in Commissione del prof. Rosso e del dott. Barabino

Si sono svolte oggi in Commissione Sanità in Regione le audizioni del Prof. Riccardo Rosso, Direttore scientifico Istituto Tumori e del dott. Mauro Barabino, Direttore generale San Martino.

Sanità: il PD dà pieno sostegno alla fusione degli ospedali Evangelico e San Carlo

I consiglieri Basso, Miceli e Ferrando: "“Il provvedimento  non è in contrasto con la volontà a proseguire nella realizzazione dell’Ospedale del Ponente"

Montaldo: Accordo di tutte le Regioni su avvio del lavoro per nuovi criteri riparto fondo sanitario

L'assessore regionale alla Salute dopo la Conferenza delle Regioni

“Quello compiuto oggi in conferenza delle regioni è un primo passo per individuare nuovi criteri di ripartizione del fondo sanitario nazionale”.

Sanità, Miceli e Ferrando: entro breve documento unitario con obiettivi 2012

sanita"In tempi brevissimi, la Giunta e la maggioranza consiliare proporranno all'intero Consiglio un documento articolato e puntuale sugli obiettivi e le linee guida in ambito sanità da perseguire entro il 2012 con l'auspicio di raggiungere la massima condivisione, considerata la gravosità dello scenario economico nazionale e la volontà di salvaguardare servizi essenziali e di qualità per la popolazione" questo il commento di Nino Miceli, capogruppo PD in Consiglio regionale della Liguria a latere della riunione di maggioranza sulla sanità tenutasi oggi in Via Fieschi. Questo il risultato emerso dalla riunione, avviata da una dettagliata relazione dell'assessore regionale Montaldo, e conclusasi dal Presidente Claudio Burlando che ha raccolto l'impegno da parte di tutti i presenti di convergere su un documento unitario.Nello specifico, gli obiettivi per i prossimi mesi riguardano il contenimento del disavanzo della spesa sanitaria entro il 5% del bilancio che consentirà di evitare l'aggravio delle tasse ed il commissariamento.

Acque reflue che non scaricano in fognatura: stop adempimenti ogni 4 anni. Arriva il tacito rinnovo.

Lo prevede una proposta di legge regionale sostenuta dal consigliere Alessio Cavarra

La questione riguarda migliaia e migliaia di famiglie nonché altrettante attività produttive che, ad oggi, sono chiamate ad adempiere una serie di impegni per ottenere l'autorizzazione allo scarico delle acque reflue non collegate alla fognatura. A tal proposito il consigliere regionale Alessio Cavarra si è fatto promotore di una proposta di legge intorno alla quale, in queste ore, sta raccogliendo anche il consenso da parte dell'opposizione e che, se sottoscritta da tutti, consentirebbe alla norma di avere un iter accelerato ed essere efficace in pochissimo tempo con buona pace di numerosissime famiglie liguri, attività e persino dei Comuni, finalmente "sgravati" dall'ennesima incombenza. Nel dettaglio infatti la nuova proposta di legge andrebbe a cancellare l'obbligo di richiedere il rinnovo dell'autorizzazione allo scarico delle acque reflue ogni 4 anni così come previsto fino ad oggi.

Questo sito usa i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile di navigazione. Continuando acconsenti all’utilizzo dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information