Mettiamoci in gioco: no slot mob a Genova

Lunedì 18 dicembre alle ore 18.00 in piazza De Ferrari

mettiamoci in giocoIl Circolo Pd Genova Operatori Sociali partecipa alla manifestazione indetta dal coordinamento "Mettiamoci in gioco", Coordinamento del quale il circolo fa parte, per sensibilizzare la cittadinanza sul tema ludopatie e per chiedere un ascolto e una considerazione sostanziale delle nostre proposte in merito alla nuova legge regionale della Liguria sul Gioco d'azzardo patologico la cui approvazione si prevede per il prossimo anno e che giudichiamo pericolosamente peggiorativa.

Irene Tesini, segretaria Circolo PD Ge Operatori Sociali

Franco Bici Badino, delegato del Circolo nel Coordinamento "Mettiamoci in gioco"

Cosa rimane della sanità dopo l'approvazione del Piano sociosanitario?

Lunedì 18 dicembre alle ore 18.00 presso la Sala Consiliare del Comune di Pietra Ligure

sanità savonaIntroduzione a cura di Luigi De Vincenzi, consigliere PD Regione Liguria

Interverranno:

On.le Franco Vazio, parlamentare PD

Raffaella Paita, capogruppo PD Consiglio regionale Liguria

Giulia Stella, segretaria Camera del Lavoro di Savona

Coordina i lavori: 

Giacomo Vigliercio, segretario provinciale Federazione PD Savona

 

La solidarietà del PD Liguria alla CGIL spezzina vittima di minacce neonaziste

Le dichiarazioni di Vattuone, Orlando, Benifei, Paita e PD Bolano e La Spezia

Genova e La Spezia, 15 dicembre 2017

vattuone 2.jpg

Il Partito Democratico della Liguria esprime tutta la sua solidarietà alla CGIL spezzina, vittima di vili e gravi minacce. Lo striscione con scritte e simboli neonazisti, trovato appeso questa mattina all’ingresso della sede SPI CGIL di Ceparana, testimonia quanto non si debba mai abbassare la guardia di fronte al pericolo di rigurgiti neofascisti a cui stiamo assistendo in tutto il Paese. Ci auguriamo che le autorità competenti facciano presto chiarezza su quanto accaduto e puniscano i responsabili. Da parte nostra continueremo a difendere i valori di solidarietà e uguaglianza che sono alla base della nostra società e per i quali si batte ogni giorno anche la CGIL, fornendo, insieme alle altre sigle sindacali, un fondamentale contributo alla nostra democrazia.

Vito Vattuone, segretario PD Liguria

Pesca, tardiva erogazione fondi FEAMP per fermo biologico, il ministero risponde all'interrogazione della Sen. Donatella Albano Pd

Roma, 14 dicembre 2017

peschereccioIl Ministero delle Politiche Agricole ha risposto ieri all'interrogazione della Sen. Donatella Albano PD, vicepresidente della Commissione Agricoltura, sulla tardiva erogazione dei fondi FEAMP ai pescatori che hanno effettuato il fermo biologico, confermando che su 2089 domande ricevute riguardo l'anno 2015, solo 1269 richieste sono state giudicate ammissibili alla ricezione del contributo, spesso a causa di insufficiente documentazione a supporto della domanda stessa, per questo il ministero è ancora in attesa di ulteriori integrazioni da parte di alcuni richiedenti non ammessi.
"Nel mese di luglio è stata pubblicata la prima graduatoria parziale dei beneficiari" afferma la senatrice ligure, "ma anche a causa dell'interruzione del sistema finanziario informatico di pagamento dell'IGRUE MEF di circa un mese e mezzo da fine luglio, solo 96 pagamenti sono stati effettuati, mentre si è ancora all'inizio della fase istruttoria per quanto riguarda le domande dell'anno 2016. Ho fatto presente al vice ministro Olivero che si tratta di un ritardo pesantissimo per le imprese ittiche italiane, già penalizzate dalle quote tonno e spada nonchè da periodi di fermo non proprio adatti al nostro Paese, al quale occorre porre rimedio con celerità, perchè nel frattempo i pescatori hanno comunque dovuto espletare i loro adempimenti fiscali, produrre un reddito sufficiente al loro sostentamento e provvedere agli stipendi dei loro dipendenti".

Le scuole medie di Monterosso, in visita al Parlamento Europeo, incontrano l'europarlamentare spezzino Benifei

Bruxelles, 14 dicembre 2017

image1Ieri ho incontrato con grande piacere gli studenti delle scuole medie di Monterosso nell'ambito di una visita al Parlamento Europeo che ho voluto contribuire a organizzare e che si inserisce in un ciclo di visite a istituzioni nazionali e comunitarie. Come in altri incontri con scolaresche, ho potuto osservare con speranza quanto interesse l'Europa e le sue istituzioni possano suscitare nelle giovani generazioni. Per questa ragione ritengo che sia importantissimo costruire occasioni come queste, in cui i ragazzi e le ragazze possano sperimentare sul campo il funzionamento delle istituzioni, capire come funziona un dibattito parlamentare, entrare fisicamente nei luoghi dove si prendono decisioni importantissime per la vita di ciascuno, ma che spesso sono percepiti come lontani e burocratici, soprattutto dai più giovani.

Questo sito usa i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile di navigazione. Continuando acconsenti all’utilizzo dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information