Scuola, o una buona legge o nessuna legge

Puglisi, responsabile Scuola Pd: "Dopo aver bloccato le 24 ore e il conseguente licenziamento di decine di migliaia di precari e cancellato la legge Aprea che trasformava le scuole in fondazioni e utilizzava la chiamata diretta, ora vogliamo arrivare a un progetto condiviso sull'autogoverno delle scuole statali" (l'Unità )

di Francesca Puglisi, articolo pubblicato su L'Unità del 15 novembre 2012

Francesca-Puglisi-460x250La marea di studenti e di insegnanti che ha invaso le piazze italiane ed europee chiede di poter crescere e studiare in una scuola pubblica di qualità, di restituire dignità al lavoro, sconfiggendo disoccupazione giovanile e precarietà, un'Europa unita e solidale che sappia crescere nel segno dell'equità. In fondo è proprio questo il manifesto di Europa 2020: la consapevolezza che l'Europa tutta si salverà solo se tornerà ad investire in una crescita intelligente, inclusiva e sostenibile.E' la scuola che può combattere le disuguaglianze, che fa crescere cittadini liberi e responsabili, che può far diventare il nostro un Paese unito. Da troppo tempo l'Italia non investe sul proprio capitale umano. Per questo la crescita si è inceppata da noi più che in altri Paesi europei. Servono urgentemente risorse per il diritto allo studio, per combattere la dispersione scolastica, investimenti per mettere in sicurezza le scuole ed edificarne di nuove, secondo criteri di sostenibilità ambientale ed utili ad una rinnovata didattica. Nessun edificio pubblico è abbandonato al degrado come le scuole.
Chiediamo al Governo di ascoltare la voce di questa moltitudine di ragazzi e ragazze, di insegnanti e famiglie dimostrando più coraggio nell'investire nel futuro del Paese, chiedendo atti di generosità a chi non ha mai pagato.

Il Pd e il finanziamento delle scuole paritarie

Roma, 19 novembre 2012

Francesca-Puglisi-460x250La bufala corre sul web: è vero che il Pd ha fatto approvare un emendamento per finanziarie le scuole private contro le scuole pubbliche?

Influencers, giornalisti e blogger volutamente 'disattenti' stanno scrivendo che il Pd avrebbe finanziato con 223 milioni le scuole private per i figli delle famiglie ricche. Eppure è vero il contrario: quei soldi non riguardano il percorso dell'obbligo scolastico, ma finanziano i Comuni per tenere aperti asili nido e scuole dell'infanzia

Leggi sul sito PD Scuola: http://www.partitodemocratico.it/doc/246497/fondi-alle-paritarie-la-bufala-corre-sul-web.htm

 

Articolo di Francesca Puglisi "Non c’è merito senza equità"

Roma, 6 giugno 2012

Francesca Puglisi

nativi_digitali_puglisiIn questi giorni, avendo letto le ipotesi di decreto sulle “misure per la valorizzazione dei capaci e meritevoli” proposte dal Ministro Profumo, il PD ha espresso la propria contrarietà alla visione di una scuola competitiva e selettiva.

Ciò non significa che siamo “contro il merito”. Crediamo che ci sia bisogno di un maggior riconoscimento del merito nella società italiana. La verità è che le teste eccellenti ci sono, perché gli studenti meritevoli sono già valutati dagli insegnanti. Questo accade in queste ore durante gli scrutini. Ma poi è la società, non la scuola, a dover valorizzare il merito e l’impegno dei ragazzi e delle ragazze, per permettere al Paese tutto di crescere avvalendosi di quelle competenze e conoscenze maturate sui banchi. A che serve eccellere a scuola e all’Università se il merito non viene poi riconosciuto quando si seleziona il direttore di una Asl o il manager pubblico, se i progetti di ricerca non vengono finanziati, se le professioni si ereditano per via familiare o per via amicale? Che esempio di merito ha dato lo scorso anno lo Stato licenziando, perché precario, l'insegnante che aveva premiato come "migliore dell'anno"?

Manti: la Regione garantisce offerta formativa per le scuole superiori

mantiIl Consiglio Regionale ha approvato oggi pomeriggio all'unanimità il completamento e la razionalizzazione dell'offerta formativa con riferimento alla scuola secondaria superiore
Giancarlo Manti, Consigliere Regionale del PD, Presidente della Commissione Cultura
, commenta: "Sono assolutamente soddisfatto che maggioranza e opposizione abbiano trovato un pieno accordo su un provvedimento che permetterà alle scuole superiori della Liguria di proseguire con un'offerta formativa significativa e di qualità, sulla base dei piani provinciali, assicurando il coordinamento tra istruzione e formazione professionale, salvo ulteriori riduzioni delle risorse da parte dello Stato".
Continua il Consigliere Manti: "Questa deliberazione, che avrà conseguenze pratiche positive per tanti studenti liguri e per le loro famiglie, arriva a completamento di un lungo lavoro, durato quasi un anno essendo cominciato nel febbraio 2011, che ha comportato una complessa opera di concertazione con il coinvolgimento delle Province, dell'Ufficio Scolastico Regionale, al Comitato Regionale Istruzione Formazione (CRIF) e dei sindacati. Ho registrato, nei lavori in Commissione V Cultura e anche nei vari passaggi sul territorio, una forte convergenza sui criteri generali e sulle proposte di dimensionamento dell'offerta formativa".

martedì, 20 dicembre 2011

Ue/bilancio 2012, Balzani: "Bene ok Parlamento ma ora Europa si doti di risorse proprie"


bilancio-ue-balzani_011
"E' un segnale importante in un momento difficile: l'Unione ha il suo nuovo bilancio e può così affrontare in piena forza le sfide che la attendono".
E' quanto afferma l'europarlamentare del Pd Francesca Balzani, relatrice per il Bilancio 2012, commentando l'approvazione oggi in Aula a Bruxelles dell'accordo con il Consiglio sul Bilancio Ue 2012, che stanzia un totale di 147.232 miliardi d'impegno e 129.08 miliardi di pagamenti.
Poche e molto strategiche le priorità messe al centro di un documento finanziario che punta su un'Europa del lavoro e della crescita. Escono molto rafforzate le linee per la ricerca, l'innovazione e la formazione, alla base della Strategia 2020 che cosi inizia a essere concretamente finanziata.

Questo sito usa i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile di navigazione. Continuando acconsenti all’utilizzo dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information