PD: "Le risorse per comprare De Ferrari vadano alla Casa della Salute in Valpolcevera"

Genova, 25 ottobre 2016

ospedaleApprendiamo oggi dalla stampa cittadina che l'Associazione Gigi Ghirotti inaugurerà presto un day hospice nei locali dell'ex Ospedale Pastorino di Bolzaneto.

E' una notizia che ci fa piacere leggere, perché rende merito all'attività preziosissima di questa Associazione. Il nuovo day hospice offrirà sicuramente un servizio essenziale verso i malati del territorio, come fa da sempre in tutta la città.

La destinazione a day hospice dell'ospedale Pastorino comporta l'abbandono del progetto di realizzare all'interno dell'ex Pastorino della nuova Casa della Salute per la Valpolcevera.
Regione Liguria e Asl3 sono quindi venuti meno ai loro impegni nei confronti degli abitanti della Valpolcevera, che da tempo chiedono l'attivazione di questo servizio sul territorio.
Lo scorso 18 gennaio il Commissario della Asl3 era intervenuto nel corso della Commissione Consiliare congiunta Welfare(Comune e Municipio Valpolcevera) sul tema della Casa della Salute in vallata, promettendo  il trasferimento al Celesia dei servizi presenti all'ospedale Pastorino, al fine di realizzare nel Pastorino una Casa della Salute in grado di garantire ai cittadini servizi adeguati alle esigenze della vallata.
Oggi si abbandona il progetto, senza dire una parola sulla casa della salute.

Giornata europea contro la tratta degli esseri umani

La consigliera comunale PD Cristina Lodi sarà protagonista all’incontro ufficiale in programma domani alle 17.30 a Montecitorio

Genova, 17 ottobre 2016

2palloncino2Si celebra domani, martedì 18 ottobre 2016, la decima Giornata europea contro la tratta degli esseri umani. Un fenomeno tanto drammatico quanto intollerabile, che coinvolge anche Genova e trova in essa una sua dimensione specifica legata a caratteristiche storiche e geografiche della nostra città.

Non a caso, tra le tante le iniziative in programma per denunciare questa realtà, la consigliera comunale PD Cristina Lodi sarà protagonista all’incontro ufficiale in programma domani alle 17.30 a Montecitorio alla presenza della Presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini, della Vice Presidente, Marina Sereni, del Ministro alle Pari Opportunità Maria Elena Boschi, nonché di rappresentanti istituzionali e di associazioni internazionali impegnate su questo difficile tema.

“L’invito a intervenire alla celebrazione ufficiale alla Camera è per Genova un importante riconoscimento del lavoro portato avanti in questi anni nel contrastare questa terribile piaga. Ringrazio il Sindaco Doria e gli assessori Fracassi e Fiorini di avermi delegata a intervenire, riconoscendo il lavoro svolto in qualità di presidente della Commissione Consiliare Welfare. Ringrazio la Rete Sunrise, l'Associazione Music for Peace e tutta la rete di associazioni genovesi e gli enti del Terzo Settore che hanno continuato a credere nell'importanza di azioni di sensibilizzazione a favore di una cultura contro la schiavitù di esseri umani. La tratta ancor oggi priva della libertà personale milioni di persone, riducendole schiave dello sfruttamento sessuale, del lavoro, delle economie illegali legate alla droga e ai furti, dell’accattonaggio - spiega Cristina Lodi, consigliera comunale e consigliera Città Metropolitana con delega all'emergenza profughi - . Un fenomeno che viene combattuto con forza e determinazione anche dal Governo Renzi, il  primo ad aver previsto un Piano nazionale contro la tratta. Le indicazioni previste da questo Piano dovranno essere attuate attraverso misure concrete sui territori proprio dai singoli Comuni e in questo caso l’esperienza di Genova e della Città Metropolitana può essere utile. Sicuramente a Genova negli anni c'è stata anche una riduzione dei servizi, soprattutto di accoglienza residenziale delle vittime di tratta. Con il nuovo Piano Nazionale si rilancia l'emergenza con l'auspicio da parte degli Enti Locali dell’attivazione di ancora più risorse  che significherebbero per Genova più possibilità di rifugio e di fuga dalla schiavitù”.

Integrazione e accoglienza. Le buone pratiche e il ruolo della politica

Sabato 15 ottobre alle ore 18 presso la sede del Pd di Sanremo in piazza Colombo

14657719 1297101346975791 158847569 nIntroduce

Matteo Longo, segretario GD Imperia

Intervegono:

Caterina Conti, responsabile nazionale Politiche Integrazione GD

Paolo Pezzana, coordinatore Commissione Immigrazione Anci Liguria

Walter Massa, responsabile nazionale Immigrazione Arci

Giovanni Barbagallo, consigliere regionale PD

Laura Bertolini, Cooperativa Il Faggio

Carocci su pasti da casa nelle scuole: "Ricordarsi di salvaguardare equità e solidarietà"

Genova, 21 settembre 2016

paninoLa vicenda scaturita dalla sentenza della magistratura di Torino che ha stabilito libertà di scelta in materia di consumo del cibo a scuola sta creando grande confusione non solo al comune di Torino ma anche ad altre amministrazioni. Per questo, ho presentato un'interrogazione urgente al MIUR (in allegato) per sapere se non ritenga necessario predisporre un intervento legislativo di carattere nazionale che colmi il vuoto normativo messo in evidenza dalle decisioni della magistratura.
Perché se è vero che è necessario garantire i diritti di tutti è altrettanto importante che vengano salvaguardati equità, salute dei bambini e  il principio di solidarietà che potrebbe essere seriamente messo in discussione da scelte affrettate e disomogenee.

Mara Carocci, membro Commissione Cultura, Scienze e Istruzione Camera dei Deputati

DDL Povertà: approvato alla Camera

Roma, 15 luglio 2016

reversibilita.jpgCon l'approvazione alla Camera del ddl povertà anche nel nostro Paese si introduce finalmente una misura nazionale di contrasto alla povertà: il reddito di inclusione, un sostegno economico a cui si affianca un progetto personalizzato di attivazione, realizzato dagli enti locali in rete con tutti i servizi del territorio.

Il disegno di legge delinea il reddito di inclusione come misura a carattere universale attraverso il graduale incremento delle risorse del Fondo istituito con la legge di stabilità 2016: 600 milioni per l'anno in corso e 1 miliardo di euro a partire dal 2017, cui si andranno ad aggiungere le risorse date dall'assorbimento di alcune misure parziali già in vigore, e ulteriori stanziamenti decisi con altri provvedimenti.

Questo sito usa i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile di navigazione. Continuando acconsenti all’utilizzo dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information