Santino_Comune_Fronte_Veard

Santino_Comune_Retro_Veardo

Santino_Comune_Fronte_Vassa
Santino_Comune_Retro_Vassal
Santino_Comune_Fronte_Sordi

Santino_Comune_Retro_Sordi

la mia prima volta in politica



dall’ottobre 2007, nascita del Partito Democratico, sono stato eletto 
Segretario del Circolo Pd di Cornigliano. 
Con queste elezioni possiamo scegliere di costruire un futuro migliore per 
Genova, un progetto in cui occorrono persone motivate, affidabili e desiderose 
di mettere al servizio della collettività le proprie energie ed il proprio 
entusiasmo.
Sempre di più contano le caratteristiche personali, sempre di più sentiamo l’
esigenza di poterci confrontare con chi ci rappresenterà in Consiglio Comunale.
Candidato per la prima volta, su proposta del Partito Democratico di Genova, 
mi propongo di dare risposta alle istanze provenienti dal mondo del lavoro e da 
quel tessuto sociale che, specie in questo difficile momento di crisi, subisce 
ricadute importanti sulla tenuta occupazionale e sul tenore di vita



ho scelto di candidarmi perché...



i diritti del lavoro, la promozione dei giovani, la solidarietà, lo sviluppo 
sostenibile, le pari opportunità per tutti i cittadini.
Nel mio impegno costante e determinato all’interno dell'associazionismo e del 
sindacato ritengo d'aver dimostrato quotidianamente, come sia possibile 
declinare concretamente e con umanità i valori etici della sinistra democratica 
che pone al centro la persona

il mio punto/personaggio di riferimento in politica e nella vita



il Segretario Pierluigi Bersani, per aver saputo registrare e organizzare il 
Partito Democratico, indicando una linea politica chiara e incisiva

i valori che non tradirei mai in politica



il rispetto per gli altri
la solidarietà
, la questione morale

tre parole d'ordine per la Genova dei prossimi anni



lavoro 
diritti
cura del territorio, 
rinnovamento

vengo dal quartiere genovese di.. e lo descriverei così..



Cornigliano è un quartiere che ha avuto caratteristiche di grande importanza 
per il lavoro e l'industria genovese e nazionale. 
Da questo ne sono nate criticità ed oggi, alla luce dell' accordo di programma 
del 2005, grandi prospettive di riqualificazione e rivalutazione territoriale

il compito di un consigliere comunale è quello di...



dare voce ai giovani precari in cerca di stabilizzazione, persone che perdono 
il lavoro senza maturare alcun diritto previdenziale, anziani con problemi di 
salute privi di protezione sociale e forme di aiuto, cittadini onesti che in 
tema di sicurezza e legalità sono per il rispetto delle regole e del bene 
comune e pretendono che questo bene sia rispettato da tutti

sono fiera/o di essere genovese perché...



Genova è una città bellissima, ha solo bisogno di riscoprirsi unica e uscire 
dalla crisi, ancora una volta

cantante, film e scrittore preferito



Pink Foyd, I diari della motocicletta, Hermann Hesse

da piccolo sognavo di diventare...



un musicista

il mio motto è...



condivisione, inclusione, l'unione fa la forza

la mia cartolina di Genova è la foto di...



del porto antico, visto dalla sopraelevata

Santino_Comune_Fronte_Russo

Santino_Comune_Retro_Russo

Santino_Comune_Fronte_Puppo
Santino_Comune_Retro_Puppo

la mia prima volta in politica?

No, è la seconda volta. La prima volta che mi sono candidato è stato per le elezioni per il rinnovo del consiglio regionale della Liguria nel 2000, con l’allora DS. Avevo ricevuto ben 2.238 voti. E’ stato un ottimo successo personale, e.... ora .... la cittadinanza mi ha chiesto di mettermi di nuovo a disposizione, ed ECCOMI.

ho scelto di candidarmi perché...

Sono parecchie le motivazioni

- la voglia di aprire fattivamente “il COMUNE” alla città

- sapere ascoltare la voce dei cittadini, soprattutto di coloro che sono stufi di lamentarsi o che NON PARLANO PIU’

- essere una forza motrice per il nostro Comune, portando l’esperienza di undici anni alla guida di un’Associazione Nazionale delle persone disabili (ANGLAT), affinché la nostra città possa uscire da questa crisi mondiale, che non ha eguali nella nostra storia democratica

Ma le due spinte principali sono

- LA VOLONTA’ di portare LA VOCE delle fasce deboli, degli anziani, degli emarginati, della nuova povertà, delle persone disabili e delle loro famiglie direttamente dentro la SALA ROSSA, diventando una “LORO SENTINELLA” pretendendo il rispetto dei diritti, delle leggi, dell’inclusione, dell’uguaglianza e delle pari opportunità e soprattutto del rispetto della dignità di ogni persona.

- (dopo il risultato delle primarie) Dare un nuovo volto alla politica del centrosinistra, anche all’interno del Consiglio Comunale, stravolgendo “quel modo di fare” che ha di fatto allontanato il cittadino dal suo comune e dal suo referente politico

il mio punto/personaggio di riferimento in politica e nella vita

- Sono molti i personaggi “donati alla politica” che hanno affascinato la mia giovinezza illuminando la via che ha determinato la mia personalità e il mio stile di vita. Persone come Gandi, Mandela, Martin Lutter King, San Suu Kyi (attualissima), fautori di grandi movimenti di masse e di rivoluzioni pacifiche. Anche personaggi come Enrico Berlinguer, Giovanni Paolo II°, che sono riusciti umilmente a cambiare la nostra storia solo con l’esempio e con la parola. Del panorama genovese, sono sempre stato attratto ed affascinato dalle lotte di DON GALLO (un amico che è un bellissimo “FIORE PUNGENTE”) e dalla poesia di Fabrizio De Andrè, un moderno “OMERO”.

i valori che non tradirei mai in politica

·      ESSERE ME STESSO. Non potrò mai tradire me stesso e quello che per molti sono e rappresento. La forza del riscatto delle persone disabili, una sentinella che vigila sui diritti dei più deboli, delle persone anziane, degli emarginati, essere un “orecchio teso” (come da sempre faccio all’interno della Consulta per l’Handicap) capace di ascoltare anche chi non ha la possibilità di parlare, essere un “lottatore” per il superamento di tutte le barriere (non solo quelle architettoniche), riuscire a dare più possibilità ai giovani, più spazi per le attività sportive, più spazi ricreativi per le persone anziane, pretendere più sicurezza per tutti soprattutto per le persone più indifese .... cioè ESSERE UN CITTADINO nella CITTA’, affinché la nostra CITTA’ sia più a misura d’uomo, ed essere capace di dare ai nostri figli UNA CITTA’ MIGLIORE.

tre parole d'ordine per la Genova dei prossimi anni

“3 R”

·      RICORDO (dei valori di libertà che i nostri padri ci hanno dato, pagando a caro prezzo. Un popolo senza storia e senza ricordi è un popolo che non esiste)

·      RISCATTO (della forza di Genova, delle sue attività portuali, della forza innata dei genovesi, di essere una città VIVA e LIBERA e far ritornare la nostra città ad essere la SUPERBA)

·      RISPETTO (verso tutti, delle leggi e delle regole, nel saper dare ascolto a tutti, nel non negare niente a nessuno e soprattutto il rispetto di ogni individuo e del suo valore umano)

 vengo dal quartiere genovese di.. e lo descriverei così..

Sono nativo di Quezzi (anche se oggi sono “emigrato” in Valpolcevera), NON più quella raccontata dai miei nonni, un gruppo di case distanti dalla città, dove “i signori di Genova” venivano in vacanza. Oggi Quezzi è un agglomerato di case (fortunatamente NON dormitorio), costruite su strade che mio bisnonno percorreva con un carro trainato da dei cavalli, dove una volta ci si conosceva tutti, e oggi a malapena conosci più il tuo vicino, una Quezzi, nella città, ma ai margini di essa.

il compito di un consigliere comunale è quello di...

Essere il “megafono”, un amplificatore dei cittadini, essere il bilanciere tra le necessità della popolazione e i doveri amministrativi del Comune, essere una “SENTINELLA” delle leggi, delle norme e delle buone prassi, e non permettere a nessuno che le calpesti.

Essere una BUONA FONTE di novità, portatore di nuove energie e nuove idee, essere di supporto al movimento politico ed all’amministrazione comunale. Ma soprattutto CONTINUARE AD ESSERE UN CITTADINO PER LA CITTA’ NELLA CITTA’

sono fiera/o di essere genovese perché...

·      SONO IO. SONO GENOVESE, SONO LIGURE, SONO ITALIANO .,,,, SONO CITTADINO DEL MONDO. Non ho mai pensato di essere diverso da quello che sono. Genova ha il suo fascino interiore che risiede in ogni genovese, e che ha formato (assieme ai miei genitori), il mio modo di essere, e di vivere. Ogni genovese ha intrinseco nella sua personalità la cultura della sua città, una città di mare, aperta sul mondo, crocevia di gente e culture, cioè una “scuola” a cielo aperto. Si, questo è il mio ESSERE GENOVESE

cantante, film e scrittore preferito

·      Il cantante, come ho già detto, Fabrizio De André, con le sue cantate (ma ascolto molto volentieri anche la musica classica, romantica, e pop)

·      Un Film – A Beautiful Mind (la storia del premio nobel per la matematica, John Nesh, con gravi disturbi schizzofrenici)

·      Lo scrittore, Terry Brooks (e altri scrittori del genere fantasy), ma anche il genere religioso / poliziesco tipo Dan Brown o le inchieste di Corrado Augias.

·      Le Commedie: certamente quelle di Gilberto Amerigo Govi ed il teatro dialettale genovese

da piccolo sognavo di diventare...

Un combattente, un moderno “Robin Hood” che lottava da solo contro tutti, per il bene delle brave persone.

il mio motto è...

UN COMUNE .... FUORI DAL COMUNE (cioè un comune aperto, vivo, dove ogni cittadino trova il suo spazio per essere ascoltato e tutelato)

la mia cartolina di Genova è la foto di...

È un cortometraggio, con il nostro passato, di un porto attivo, di portuali che scaricano le merci su carri, di lavandaie ai trogoli, di bambini che giocano serenamente nelle nostre vie del centro; con il nostro presente, di persone troppo indaffarate per accorgersi del malessere del vicino, di anziani rinchiusi in ospizi, di bambini senza spazi per giocare, e persone disabili, emarginate dalla “modernità”; con il futuro, un porto rinato con i suoi traffici sulle banchine, negozi pieni di persone allegre, le vie piene di famiglie di diverse etnie e paesi, che vivono serenamente l’une vicino alle altre, scuole aperte, bambini che hanno riconquistato i loro spazi, anziani con le loro famiglie nei parchi cittadini, turisti affascinati dalla bellezza della nostra città. MA PER TUTTO QUESTO, E OLTRE ..... ORA TOCCA A NOI 

Santino_Comune_Fronte_Peruz
Santino_Comune_Retro_Peruzz
santino_comune_fronte_meret
Santino_Comune_Retro_Mereto
la mia prima volta in politica

la mia passione per la politica nasce da ragazzina: ho sempre pensato di dovere partecipare in prima persona alla costruzione del futuro della Città e quindi anche mio

ho scelto di candidarmi perché...
la ragazzina che ero è cresciuta eppure crede ancora e sempre di più nei suoi ideali e nei suoi valori, praticati nella vita di tutti i giorni; crede anche che le sue esperienze possano essere utili per costruire una Genova migliore che si sviluppi in modo rispettoso per l’ambiente, per le persone e per i beni comuni, “Smart” (intelligente) e proiettata verso l’Europa, secondo un modello di crescita economica e occupazionale dove i giovani e le donne possano essere protagonisti in prima linea del loro futuro, fondato sulla cittadinanza e sulla partecipazione attiva
il mio punto/personaggio di riferimento in politica e nella vita
il mio punto di riferimento sono  le donne della mia famiglia, un'altra grande donna da cui traggo ispirazione è Vandana Shiva
i valori che non tradirei mai in politica
serietà, il coraggio e l'onestà (in politica come nella vita)
tre parole d'ordine per la Genova dei prossimi anni
Genova deve mettere le ALI: Ambiente, Lavoro, Innovazione!
vengo dal quartiere genovese di Castelletto (ma mi occupo da vicino anche di Oregina) e lo descriverei così..
Castelletto è sicuramente un quartiere privilegiato rispetto ad altri, con stretti legami col resto della città... più di quello che potrebbe sembrare
il compito di un consigliere comunale è quello di...
innanzitutto amare e conoscere la città.
Essere consapevole delle sue realtà, le sue esigenze, deve promuovere le norme che ritiene utili e sostenerle l'approvazione. Deve essere sempre pronto a conoscere, confrontarsi e imparare
 
sono fiera di essere genovese perché...
Genova è una città in continua evoluzioni e che è sempre in grado di Resistere
cantante, film e scrittore preferito
Guccini,  Mangiare bere uomo donna, Hemingway
da piccolo sognavo di diventare...
grande
il mio motto è...
dobbiamo diventare il cambiamento che vogliamo vedere avvenire (Ghandi)
 
la mia cartolina di Genova è la foto
del "mio" mare
santino_comune_fronte_mannu
Santino_Comune_Retro_Mannu

la mia prima volta in politica

dopo il Corso di Formazione Politica nel 2005/2006 é iniziata la mia attività nell'Ulivo

ho scelto di candidarmi perché

nel 2009 mi é stato chiesto e l'ho fatto con spirito di servizio, oggi perché dopo due anni e mezzo in consiglio comunale penso di poter mettere a disposizione un pò di esperienza acquisita. Penso che la politica si occupi di noi, se non ci impegnamo in prima persona qualcun altro lo farà e dovremo subire le decisioni prese da altri

il mio riferimento in politica

Eleonora D'Arborea, nella vita mia nonna

i valori che non tradirei mai in politica

il bene comune, la trasparenza, lo spirito di servizio

tre parole d'ordine per Genova

efficienza, economia, ecologia

vengo dal quartiere genovese di ... e lo descriverei così

vengo dalla Valpolcevera, Pontedecimo, la porta nord di Genova una periferia che é ancora un paese a misura d'uomo, la piazza, il borgo, la chiesa

Il compito di un consigliere comunale è quello di rappresentare i cittadini, esserne la voce

Sono fiera di essere genovese perché Genova é bellissima, non potrei vivere in una città senza il mare, senza i caruggi, i suoi cantautori e soprattutto senza la focaccia!

cantante preferito Vasco, film preferito Il Gladiatore, scrittore Camilleri

da piccola sognavo di diventare una veterinaria

il mio motto è "conquista te stesso, non il mondo"

la mia cartolina di Genova è la foto di Boccadasse

santino_comune_fronte_malat
Santino_Comune_Retro_Malate
santino_comune_fronte_lodi
Santino_Comune_Retro_Lodi

la mia prima volta in politica

sono stata Assessore ai Servizi Sociali e Pari Opportunità di Serra Riccò

ho scelto di candidarmi perché...

perchè vorrei che Genova fosse una città moderna e solidale , perché penso che sia un dovere porre le proprie competenze al servizio della propria comunità, perché ho  imparato che dialogare è indispensabile, operare con determinazione e fare scelte ancora di più, perché sono convinta che con l'aiuto di molti si possa fare qualcosa di più per tutti, perchè la civiltà si misura anche con la capacità di stare vicino a chi è più in difficoltà, perchè la solidarietà non ha nomi ma risultati chiari, precisi, tangibili.

il mio punto/personaggio di riferimento in politica e nella vita

Papa Wojtyla , “ Non abbiate paura”

i valori che non tradirei mai in politica

dignità della persona perché l’uomo è l’unico vero fine dell’agire politico,  sussidiarietà favorendo la crescita e l’autonomia di tutti,  solidarietà perché il più forte ha sempre il dovere di aiutare il più debole,  onestà perché io possa sempre guardare negli occhi i miei figli con tranquillità.

tre parole d'ordine per la Genova dei prossimi anni

innovazione, tradizione, coraggio

nata a  Pegli, vissuta in Valpolcevera ritengo che la Valpolcevera abbia una sua forza nell’affrontare le difficoltà, viva una grossa complessità e debba urlare di più le proprie esigenze.

il compito di un consigliere comunale è quello di...

dare buoni consigli, essere a disposizione della comunità, favorire il link tra il Consiglio Comunale e i Municipi, sviluppare impegno trasversale si ma anche in aree specifiche su cui predisporre precise proposte a seguito di un confronto allargato con le parti sociali coinvolte

sono fiera/o di essere genovese perché...

abbiamo dominato il mondo, siamo caduti un poco in disgrazia, abbiamo ancora grandi numeri e grinta!

cantante, film e scrittore preferito

Laura Pausini, “Il Diario di Bridget Jones”, Peppe Dell'Acqua  “Fuori come va?”

da piccolo sognavo di diventare...

un rappresentante di una Organizzazione Non Governativa

il mio motto è...

la speranza è l’ultima a morire!

la mia cartolina di Genova è la foto del porto

santino_comune_fronte_liber
Santino_Comune_Retro_Libert

la mia prima volta in politica: iscritto ai DS(non ricordo in che anno), ma ho cominciato a far politica sui banchi di scuola come rappresentante d'istituto al Buonarroti. Segretario del circolo "27 novembre 1943" da un anno e mezzo, prima volta candidato a una carica elettiva

ho scelto di candidarmi perché a quasi 43 anni devi smettere di lamentarti che le cose non vanno se poi non ci metti faccia e idee

il mio punto/personaggio di riferimento in politica e nella vita: in politica Sandro Pertini, nella vita mio papà Simone, don Brando Fortuna

i valori che non tradirei mai in politica: coerenza, onestà, spirito di servizio, bene generale

tre parole d'ordine per la Genova dei prossimi anni: lavoro, ecologia, comunità

vengo dal quartiere genovese di S. Sebastiano (Staglieno) e lo descriverei così: un quartiere che ha troppe servitù, una viabilità di fine 800 e che ha ricevuto troppe promesse e poche risposte. Il territorio che aspetta il tram da 46 anni

il compito di un consigliere comunale è quello di ascoltare, proporre, essere presente dire dei si ma anche dei no

sono fiero di essere genovese perché Genova è una porta sul mondo; perché Genova è antifascista

cantante, film e scrittore preferito: Battiato, saga de "Il signore degli anelli" e saga di "Star Wars", Mario Rigoni Stern

da piccolo sognavo di diventare un cuoco

il mio motto è Understand, tradotto come "comprendere" ma anche come "stare al di sotto"

la mia cartolina di Genova è la foto di quei maledetti giorni del G8 (passati in piazza). Oggi come allora penso che un altro mondo sia possibile

Questo sito usa i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile di navigazione. Continuando acconsenti all’utilizzo dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information