Europa

Benifei: "Garanzia giovani può funzionare se migliorata"

Strasburgo, 4 ottobre 2016

BenifeiLa Commissione europea ha presentato oggi l'atteso rapporto su Garanzia Giovani e l'Iniziativa per l'Occupazione Giovanile (YEI), a tre anni dal lancio dei due programmi. I dati contenuti nel Rapporto evidenziano risultati decisamente positivi raggiunti in tutta Europa. "Finalmente abbiamo accesso alla più completa analisi disponibile su Garanzia Giovani", dichiara Brando Benifei, eurodeputato PD e copresidente dell'Intergruppo Giovani del Parlamento. "Ora potremo studiare nel dettaglio l'impatto del programma nei diversi Paesi UE. Certamente, la Commissione, che ha anche recentemente proposto di stanziare due miliardi di euro aggiuntivi per la YEI, mostra grande attenzione al tema della disoccupazione giovanile e conferma la centralità di Garanzia Giovani come strumento di contrasto al problema".

L'europarlamentare del PD Brando Benifei a fianco dei precari dei Centri per l'Impiego della Spezia e Imperia

La Spezia, 26 settembre 2016

centri-impiego-300x178"Nonostante gli annunci dei giorni scorsi dell'assessore regionale alle politiche dell'occupazione Gianni Berrino, la difficile situazione dei lavoratori del Centro per l'Impiego della Spezia e di Imperia non sarà pienamente risolta e l'intervento prospettato dalla Regione, con la presa in carico dei loro contratti fino al 31 marzo 2017, è di fatto una soluzione momentanea, che avrà solo l'effetto di posticipare il problema. Il mio auspicio è, invece, quello di risolvere a lungo termine la questione, per assicurare la continuità lavorativa a coloro che ogni giorno s'impegnano per trovare un impiego ai disoccupati e sostengono chi deve riqualificarsi, guidandone il percorso professionale". E' quanto dichiara l'europarlamentare del Partito Democratico Brando Benifei, in riferimento alla difficile situazione degli operatori del CPI della Spezia e Sarzana, che stanno attendendo il rinnovo del contratto: si tratta di 27 persone, pari a circa il 50% dell'organico in forza presso i CPI provinciali, 5 delle quali con contratto a tempo determinato e 22 con contratto co.co.co.

Solidarietà al popolo turco, il PD ligure c'è

Adesione alla manifestazione promossa dalle organizzazioni sindacali per domani, giovedì 28 luglio, alle ore 18 davanti alla sede del Consolato turco, in piazza De Ferrari a Genova

Genova, 27 luglio 2016

resized-turchiaIl Partito Democratico della Liguria e i Coordinamenti territoriali Pd di Genova, Tigullio, Imperia, La Spezia e Savona aderiscono alla mobilitazione promossa dalle organizzazioni sindacali liguri a sostegno del popolo turco. Quello che sta avvenendo in questi giorni in Turchia non è assolutamente accettabile. A essere drammaticamente calpestati dalla dura repressione del Governo di Ankara sono i principi che dovrebbero essere a fondamento di ogni democrazia. Purtroppo, dall’indomani del tentato golpe del 15 luglio scorso, assistiamo quotidianamente agli effetti di una violenta epurazione e repressione di ogni tipo di dissenso.

On. Brando Benifei (PD): "Dall'insediamento del Presidente Toti, in un anno, il tasso di disoccupazione generale in Liguria è cresciuto del 3% e quella giovanile è diminuita meno che nel resto del Nord Italia: si deve cambiare marcia"

È necessario migliorare l'implementazione della Garanzia Giovani e riproporre l'Iniziativa per l'occupazione giovanile contro la pesante disoccupazione degli under 30

Bruxelles, 8 luglio 2016

Benifei"Sono passati due anni e mezzo dal lancio della Garanzia Giovani e dell'Iniziativa per l'occupazione giovanile; il Parlamento chiede ora alla Commissione di valutare il loro impatto nell'affrontare il problema e di impegnarsi a rinnovare ed estendere i finanziamenti per i prossimi anni, in vista della revisione del bilancio multiannuale dell'Unione Europea": questa la dichiarazione dell'europarlamentare ligure del PD Brando Benifei, che durante la scorsa plenaria a Strasburgo si è fatto promotore un'interrogazione alla Commissione Europea con dibattito in aula, durante il quale ha ribadito il suo impegno a sostegno alle due misure per l'integrazione degli under 30 nel mercato del lavoro. "La disoccupazione giovanile rimane una minaccia alla nostra coesione sociale" ha sottolineato, ribadendo la necessità di capire lo stato di avanzamento delle due misure sui territori, fare chiarezza sui risultati ottenuti e sull'efficacia dei progetti e mettere a fuoco eventuali correttivi, soprattutto rispetto ai ritardi nei pagamenti e alle troppe inefficienze.
In particolare, in Liguria, le adesioni alla Garanzia Giovani sono oggi pari a 23.325 unità, l'1.9% del totale nazionale, con 12.044 presi in carico.

Benifei: "La risposta alla Brexit è un’Europa nuova fondata su democrazia, giustizia sociale, pace e crescita"

Intervista all'europarlamentare spezzino del PD dopo l'esito del referendum inglese

Bruxelles, 29 giugno 2016

BenifeiAlla vigilia del voto si aspettava questo risultato? E quali erano le previsioni da parte dei suoi colleghi parlamentari?

Devo confessare che non mi aspettavo un risultato di questo tipo. L’esito del referendum è stata una sorpresa nonostante fossi ben consapevole dell’incertezza dell’elettorato britannico, peraltro mostrata dai diversi sondaggi anche alla vigilia del voto. Gli stessi miei colleghi laburisti, impegnati nella campagna del remain, pur consapevoli della durezza e dell’asprezza del confronto, sono rimasti estremamente colpiti dall’esito finale. Un esito che ricordiamo, seppur di stretta misura, sembrava essere favorevole alla permanenza anche nelle prime ore dopo la chiusura delle urne. Come spesso accade, il voto degli elettori ha rivelato di seguire altre vie rispetto a quelle indicate dagli exit polls.

A chi va la vittoria e a chi altro la sconfitta in questo voto degli inglesi?

Senza dubbio il risultato del "leave" rappresenta una vittoria, benché temporanea e in prospettiva costosa, per una parte del partito conservatore inglese e delle forze euroscettiche e populiste del Regno Unito. I grandi sconfitti sono l’ala che fa capo al primo ministro Cameron nei Tory, i laburisti ma direi anche i 60 milioni di cittadini britannici, in particolare quelli che hanno creduto nel progetto europeo e ora sono i più consapevoli delle enormi difficoltà che dovranno affrontare nei prossimi mesi e nei prossimi anni. I conservatori hanno giocato una partita tutta interna a se stessi e a spese del popolo britannico e dei cittadini europei. La loro strategia oggi mette a rischio la stessa tenuta del Regno Unito, con le fibrillazioni che sono comparse in Scozia e in Irlanda del Nord. Sono purtroppo convinto che, presto, tutti si accorgeranno che la Brexit non ha lasciato veri vincitori.

Questo sito usa i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile di navigazione. Continuando acconsenti all’utilizzo dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information