Bilancio: la nostra ultima sfida

di Lorenzo Basso, parlamentare Pd commissione Attività Produttive della Camera - La Repubblica, ed. Genova del 20 dicembre 2017

basso-conf-1Trentamila pagine, migliaia di tabelle, più di 6000 emendamenti presentati, 3.954 ritenuti ammissibili, oltre 800 quelli segnalati, per una discussione in Commissione Bilancio della Camera che procede ininterrotta da quasi una settimana. La Legge di Bilancio rappresenta il principale strumento legislativo attraverso il quale viene regolata la vita economica del Paese. Ma questa legge rappresenta anche la principale occasione per ogni parlamentare della Repubblica per cercare risorse per il proprio territorio e le proprie battaglie. Certo bisogna sapersi "muovere" fra le 34 missioni e i 175 programmi in cui è articolato il Bilancio 2018. Una manovra da 20 miliardi di euro di cui la parte maggiore (15,7) viene assorbita dalla sterilizzazione delle cosiddette "clausole di salvaguardia", che bloccheranno i previsti aumenti di Iva e accise e il conseguente aumento dei prezzi al consumo. Un cappio al collo per i contribuenti italiani, introdotto per la prima volta nel 2011 dall`allora governo Berlusconi e dalla finanza creativa del ministro Tremonti.

Gli altri 4 miliardi sostengono misure particolarmente importanti, come quelle a sostegno dell`occupazione giovanile e degli incentivi per il sostegno all`innovazione e alla formazione professionale, previsti dal Piano Industria 4.0 di cui sono stato proponente e relatore alla fi- ne del 2016. E ancora il `Rei`, il reddito di inclusione sociale per il quale sono previsti 2 miliardi nel 2018 (di cui è stata relatrice la collega ligure Giacobbe), lo stanziamento delle risorse per il rinnovo dei contratti pubblici (dopo 8 lunghi anni di blocco), l`allargamento della platea dell`Ape social (anticipo pensionistico per le categorie più in difficoltà) e il bonus contributivo per l`anticipo pensionistico delle donne, gli incentivi per la ristrutturazione delle strutture sanitarie, l`equo compenso per i professionisti e altro. E` evidente che il margine che rimane per interventi sul territorio sia minimo. Non stupirà quindi la difficoltà di trovare le risorse per i lavoratori dell`Ilva, per fornirgli quelle garanzie minime di copertura retributiva in un difficile momento di passaggio fra l`Ilva e il gruppo ArcelorMittal. Un intervento fondamentale visto da Genova e da Taranto, non così scontato se visto con gli occhi delle tante crisi industriali presenti su tutto il territorio nazionale. Un risultato di rilievo conseguito per il nostro territorio. Importante anche per Genova e la Liguria la soluzione individuata per i precari della ricerca negli Irccs (tra cui Gaslini e San Martito-Ist), che da contratti atipici e precari passano a lavoro dipendente, per quanto a termine (5 anni + 5). 0 ancora l`emendamento che garantisce la continuità dell`occupazione ai lavoratori delle manutenzioni autostradali. Quella che stiamo discutendo non è poi è una legge di Bilancio qualsiasi, ma l`ultima della Legislatura, probabilmente l`ultimo provvedimento di questi 5 anni. L`ultima occasione di prova- re a far approvare proposte e provvedimenti per cui si è lavorato in questa legislatura. Come l`emendamento che ho presentato e che sto provando da giorni a far approvare per recepire una mia proposta di legge (la 3806 del maggio 2016) che permetterebbe finalmente di bloccare le false cooperative, per mettere al riparo le tante vere cooperative da chi non applica i contratti di lavoro, mortificando la dignità dei lavoratori e l`immagine della cooperazione. Un provvedimento atteso da tempo dall`Alleanza delle cooperative che ha raccolto oltre 100mila firme per sostenere questa norma, che riguarda oltre 39mila coop e un milione di lavoratori, oltre 22mila nella sola Liguria. Domani il dibattito durato oltre 120 ore sarà terminato, certamente con risultati e delusioni. Nella speranza che anche i provvedimenti che non hanno visto la luce, siano stati istruiti e condivisi con solide basi per il futuro sfide che interessano il nostro territorio. 

Questo sito usa i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile di navigazione. Continuando acconsenti all’utilizzo dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information