Decreti attuativi Buona Scuola, Carocci: "Soddisfazione ma alcuni punti da migliorare"

Roma, 7 agosto 2017

scuolaLe bozze dei  decreti attuativi delle deleghe previste dalla "Buona Scuola" accolgono  quasi totalmente le condizioni espresse dalle Commissioni parlamentari e su questo esprimiamo soddisfazione.
Purtroppo ci rammarichiamo che il decreto sulla valutazione degli apprendimenti, che pure presenta molti elementi positivi, primo fra i quali la semplificazione degli Esami di Stato, non recepisca alcuni punti qualificanti come il superamento della valutazione in decimi nelle scuola primaria e secondaria di primo grado. Dietro alla rappresentazione simbolica dei livelli di apprendimento di una bambina e di un bambino esiste una logica: la scuola non è migliore se fa prevalere  la visione classificatoria rispetto alla funzione formativa e orientativa della valutazione.

Rimaniamo in attesa di vedere in quale forma concreta verrà restituito l'esito delle prove INVALSI.  Non siamo contrari alla valutazione nazionale che va sicuramente potenziata e migliorata, vorremmo però che  non si usassero per scopi differenti strumenti nati per valutare il sistema e le scuole.
Possiamo usare strumenti nazionali per  contribuire alla valutazione delle competenze, ma prendiamoci il tempo giusto per definire quali sono quelli più adeguati.

on.le Mara Carocci, membro Commissione Cultura, Scienze e Istruzione e relatrice del parere in Commisione
on.le Maria Grazia Rocchi, Commissione Cultura, Scienze e Istruzione

Questo sito usa i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile di navigazione. Continuando acconsenti all’utilizzo dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information