PAITA: "SULLA DISMISSIONE DELLA CENTRALE ENEL DELLA SPEZIA NON SI TORNA INDIETRO. CHIEDO AL PD DI PROMUOVERE UNA PETIZIONE FRA CITTADINI, ASSOCIAZIONI E SINDACATI"

Genova, 27 settembre 2017

centrale enel la SpeziaLeggo che l'amministrazione comunale spezzina di centrodestra starebbe pensando di trattare con Enel una proroga per tenere in funzione la centrale a carbone fino al 2028, magari allo scopo di incamerare ancora un po' di Ici e di non dover pensare a come riutilizzare le aree che rimarrebbero libere. Una posizione sbagliata, che va contro gli interessi della città. La data di dismissione prevista per il 2021 è stata una conquista per La Spezia. E lo è stata soprattutto per i residenti di Melara, Termo e Limone che più di tutti hanno pagato la scelta fatta negli anni 60 di collocare sul nostro territorio quella che, allora, era la più grande centrale a carbone d'Europa. Chiudere quest'impianto è fondamentale per continuare a perseguire un'idea di città moderna o, come si dice oggi, "smart"; una città amica dell'ambiente e del progresso tecnologico sostenibile. Ma la dismissione della centrale a carbone è anche importante per la salute degli spezzini e per la caratterizzazione sempre più turistica della città. Buttare all'aria il tavolo sul futuro di quegli spazi è un delitto.

Sindacati, organizzazioni datoriali, enti e associazioni avevano molto apprezzato quel cammino intrapreso, che coinvolgeva e responsabilizzava la stessa Enel. Un percorso, nato grazie anche al ruolo positivo del Governo e dell'amministrazione comunale precedente, che va immediatamente ripreso per affrontare una concreta progettazione delle aree che si libereranno, con tempi e strumenti giusti. Adesso non si può più tornare indietro e a dirlo, tra l'altro, è anche la stessa Enel. Chiedo che il mio partito proponga a tutte le forze politiche, le associazioni ambientaliste, le organizzazioni sindacali e le forze partecipative di iniziare a raccogliere le firme per convincere l'amministrazione comunale a non interrompere quel cammino intrapreso per la chiusura della centrale, la bonifica e il riutilizzo delle aree. Sarebbe importante partire proprio dalle zone di Melara, Termo e Limone.

Raffaella Paita, capogruppo Pd in Regione Liguria.



Questo sito usa i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile di navigazione. Continuando acconsenti all’utilizzo dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information