Comunicati Stampa

 

De Vincenzi: " Oggi, insieme ai Parlamentari Giacobbe e Basso, visita allo stabilimento Piaggio di villanova d'Albenga: Una realtà importante che va difesa a tutti i costi"

Genova 4 agosto 2017

Piaggio VillanovajpgQuesta mattina, insieme ai parlamentari del Pd Anna Giacobbe e Lorenzo Basso, ho partecipato a un incontro con la RSU di Piaggio Aerospace di Villanova d'Albenga, di Sestri Ponente e con i delegati sindacali di LaerH di Albenga.
Ci siamo confrontati in merito alla situazione particolarmente delicata e incerta che si è venuta a creare dopo la presentazione, da parte dell'azienda, del piano industriale che ancora non onora i patti del 2014 firmati da tutte la parti in causa - azienda, istituzioni e rappresentanze sindacali - che, con la mediazione e aiuto del Governo, avevano messo a punto concrete strategie di rilancio industriale.
Nello specifico, abbiamo discusso dell'intenzione dell'azienda di cedere ad altre società i segmenti Motori e Manutenzione velivoli civili: scorporo che appare ingiustificato sia dal punto di vista strategico che economico e che rischia di mettere seriamente in crisi la tenuta complessiva dell'azienda, oltre a non garantire nel tempo gli attuali livelli occupazionali.

 

Gruppo PD:" Da tre mesi Liguria Digitale é senza amministratore unico. Perché la maggiornaza non riesce a nominare il successore di Bucci e lascia l'Azienda in amministrazione ordinaria?"

Genova 4 agosto 2017

Liguria Digitale è senza il proprio amministratore unico dal 4 maggio scorso, e cioè da quando Marco Bucci si è dimesso. Da più di novanta giorni l'azienda che dovrebbe sviluppare le strategie digitali della Regione Liguria opera solo in amministrazione ordinaria e quindi vive in una sorta di stand by, senza poter, di fatto, fare nulla. Perché accade tutto questo? Cosa impedisce alla Giunta di procedere alla nomina di un nuovo amministratore e dare quindi piena operatività a Liguria Digitale? Non vorremmo che, visto ciò che sta succedendo con le nomine in sanità, ci fosse un'altra lotta fra partiti politici della maggioranza che tiene tutto congelato e impedisce di dare un nuovo amministratore unico all'azienda.
D'altra parte sono due le strade che si potevano seguire per sostituire Marco Bucci. L'articolo 2386 del Codice Civile recita che "se vengono a cessare l'amministratore unico o tutti gli amministratori, l'assemblea per la nomina dell'amministratore o dell'intero consiglio deve essere convocata d'urgenza dal collegio sindacale". Ma il presidente del collegio Santiago Vacca (di Forza Italia, già assessore di Vaccarezza e plurinominato da Toti) non ha ancora convocato l'assemblea e visto che, secondo il Codice Civile, dove farlo "d'urgenza", ci chiediamo se non siamo di fronte a una grave inadempienza. Inoltre, visto il decreto legge 293/1994 bisogna rispettare i termini di 45 giorni per la nuova nomina dell'amministratore unico. Ma qui di giorni ne sono passati novanta, il doppio. Quindi torniamo a chiedere alla maggioranza il motivo di quest'enorme ritardo. Anche perché dopo le dimissioni di Bucci, il 7 luglio la Giunta Toti ha approvato una deliberazione per proporre al Consiglio regionale l'adozione dei provvedimenti necessari per la nomina del nuovo amministratore unico. La I Commissione (nomine) si è riunita l'11 luglio e ha deliberato a maggioranza i criteri. Ma da allora tutto è fermo. Toti e la Giunta chiariscano questo lungo impasse che blocca da tre mesi l'attività di Liguria Digitale.

Gruppo Pd in Regione Liguria.

 

PD  e Lista Crivello:" No alla distrazione dei fondi per la valorizzazione dell'ex caserma Gavoglio: Battaglia unitaria e su tre livelli amministrativi al fianco di cittadini e associazioni"

Genova 4 agosto 2017

caserma gavoglio"No alla distrazione dei fondi per la valorizzazione della Gavoglio. Il Comune dia il via libera agli interventi che erano stati programmati dalla civica amministrazione, grazie anche agli stanziamenti del governo, per restituire l'ex caserma alla cittadinanza". A chiederlo, questa mattina, nel corso di una conferenza stampa congiunta sono il Pd (con i gruppi consiliari in Regione, Comune e Municipio Centro Est) e la Lista Crivello, che promettono di portare avanti una battaglia unitaria su tre livelli amministrativi: regionale, comunale e municipale. "Abbiamo concordato un'azione politica congiunta e a tutto campo – sottolineano i consiglieri del Pd e della Lista Crivello – per lottare al fianco dei cittadini e delle associazioni nei consigli amministrativi di riferimento. L'obiettivo è che non venga meno nulla di quanto concordato attraverso il processo partecipativo".
L'allarme lanciato da Partito Democratico e Lista Crivello nasce dopo che la Giunta Bucci, in assestamento di Bilancio, ha deciso di attingere ai fondi dedicati alla trasformazione di quest'area spostando, nello specifico, 1.147.000 euro a favore di interventi di consolidamento del ponte Don Acciai, fuori dal perimetro della Gavoglio, che prima erano coperti con una specifica fonte di finanziamento, poi destinata altrove. "La valorizzazione dell'ex caserma Gavoglio - spiegano Pd e Lista Crivello – è un intervento atteso dal quartiere del Lagaccio da trent'anni, perché trasformerà i 5 ettari dell'ex area militare in un parco urbano con spazi produttivi. La decisione della Giunta comunale di centrodestra, però, - continuano gli esponenti dell'opposizione – rischia di vanificare anni di lavoro e scelte condivise fra amministratori e cittadinanza. Un percorso che era finalmente giunto alla sua conclusione e che adesso rischia di tornare a essere in salita, a cause delle scelte della nuova amministrazione".


Come riporta anche una mozione presentata in Consiglio comunale, le richieste avanzate alla Giunta Bucci sono:
1) deliberare con urgenza la scelta del primo scenario del Programma di Valorizzazione che prevede ampie demolizioni di edifici non soggetti a tutela monumentale e ha riscosso il consenso degli abitanti consultati;
2) decidere con urgenza in merito alla partecipazione di soggetti privati a singoli lotti della valorizzazione, eventualità prevista dal Programma, e conseguentemente dare mandato agli Uffici per la predisposizione del PUO che dovrà essere in tempi brevi adottato dalla Giunta e inviato agli Enti competenti per l'espletamento delle procedure obbligatorie;
3) dare mandato agli Uffici di assegnare gli incarichi per la progettazione definitiva ed esecutiva delle opere di messa in sicurezza idraulica e di demolizione degli edifici non soggetti a vincolo monumentale. Con particolare urgenza per quelli propedeutici alla realizzazione del Parco previsto dal "Pilota" UNaLAB.
Tre interventi tramite i quali, in poche parole, si chiede di mantenere gli impegni presi con i cittadini e procedere, finalmente, alla tanto attesa opera di valorizzazione dell'ex Caserma Gavoglio.

Volendo fare un po' di storia, nel febbraio del 2014 la Civica Amministrazione aveva avviato la procedura di acquisizione a titolo gratuito dell'ex Caserma Gavoglio secondo le modalità previste dal Federalismo demaniale e culturale (ex art. 5 comma 5 DLgs. 85/2010). Sempre il Comune ha poi elaborato un Programma di valorizzazione sulla base di linee condivise con gli abitanti del quartiere, coinvolgendo istanze culturali e sociali organizzatesi in reti associative. Tale programma è stato approvato dalla giunta Comunale il 30 giugno dell'anno scorso e dal Tavolo Tecnico Operativo del 4 luglio 2016. L'Accordo di Valorizzazione, infine, è stato definitivamente sottoscritto da Comune, Agenzia del Demanio e MIBACT il 19 dicembre dell'anno scorso, con il passaggio dell'area da Demanio a Comune.
Il Programma di Valorizzazione prevede due diversi scenari in funzione della scelta di demolire o ristrutturare alcuni edifici esistenti non soggetti a vincolo monumentale, con conseguente maggiore o minore estensione delle aree destinate a verde pubblico. Gli abitanti del quartiere, consultati, hanno espresso una forte propensione verso uno scenario che comprenda maggiori demolizioni e quindi maggiori spazi verdi in un territorio provato da problematiche ambientali e caratterizzato da urbanizzazione intensiva.
Il Comune di Genova con una Delibera della Giunta comunale del 9 marzo scorso ha approvato l'adesione in qualità di partner del Progetto UNaLAB nell'ambito del Programma Europeo Horizon 2020 in cui è previsto un progetto "Pilota" in una porzione dell'area della ex Caserma Gavoglio dedicata a spazi verdi e opere pedonali (con un finanziamento di 920 mila euro).
Il 26 novembre 2016, inoltre, il Comune ha sottoscritto con la Presidenza del Consiglio dei Ministri il Patto per la Città di Genova che prevede finanziamenti del Governo per numerose opere di interesse cittadino e metropolitano, fra cui 6.400.000 euro per gli interventi di valorizzazione della Caserma Gavoglio.

Gruppo Pd Regione Liguria
Gruppo Pd Comune di Genova
Gruppo Pd Municipio Centro Est
Lista Crivello

 

Paita e Michelucci:" per il Tribunale di Milano Banchero non ha i requisiti per dirigere un'ASL in Lombardia ma viene nominata Direttore Sanitario dell'ASL 5 Spezzina"

Genova, 3 agosto 2017

 

Genova Maria Antonietta Banchero, il 26 ottobre 2016, è stata nominata direttore sanitario dell'Asl 5 spezzina, ma pochi mesi prima, per il medesimo incarico in Lombardia, era stata giudicata priva dei requisiti necessari dal Tribunale del lavoro di Milano (sentenza emessa il 22 giugno e pubblicata il 10 settembre 2016). Ai sensi dell'articolo 3, comma 7 del Decreto Legislativo 502/1992 e del D.P.R. 484/1997, infatti, "può svolgere il compito di Direttore sanitario un medico di qualifica dirigenziale che abbia svolto per almeno cinque anni qualificata attività di direzione tecnico-sanitaria in enti o strutture sanitarie, pubbliche o private, di medie o grandi dimensioni, comportante la diretta responsabilità delle risorse umane e strumentali affidate al dirigente". E secondo i giudici lombardi l'attività a comando/distacco presso una struttura formativa, pur partecipata dalla Regione, di un medico dirigente (com'è accaduto per Banchero) non può essere considerata alla stregua di attività dirigenziale di struttura sanitaria, non comportando l'esercizio dei poteri e delle funzioni proprie dei dirigenti.

 

Comunicazioni sulla Caserma Gavoglio Conferenza stampa congiunta dei Gruppi del Partito Democratico in Comune, in Regione  in Municipio centro est e della Lista Crivello sulla Caserma Gavoglio

Genova 3 agosto 2017

Via GaribaldiDomani mattina venerdì 4 agosto alle 11,30 presso il Gruppo del Pd in Consiglio comunale (via Garibaldi 14) si terrà la  conferenza stampa congiunta fra Gruppo Pd in Regione Liguria, Gruppo Pd Comune di Genova, Gruppo Pd Municipio Centro Est e Lista Crivello. 

 

 

Questo sito usa i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile di navigazione. Continuando acconsenti all’utilizzo dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information