Comunicati Stampa

 

Paita:" Presentazione del super magnete di ASG: Un bellissimo giorno per La Spezia"

genova, 19 maggio 2017

Raffaella paitajpgOggi è una bellissima giornata per la Spezia. Asg Superconductors, infatti, ha presentato un magnete che potrà cambiare la storia e che dimostra come la nostra città possa ancora contare su un segmento industriale forte, che si è saputo innovare nel corso degli anni. Quando Spezia ha capito di avere la possibilità di ospitare un insediamento importante come quello della famiglia Malacalza – che merita di essere ringraziata - è riuscita in tempi record ad attivare tutte le procedure necessarie. Sia il Comune sia la Giunta regionale precedente, in cui ero assessore, hanno fatto la propria parte. Il messaggio forte di oggi è quello ribadito anche dal sindaco Federici: Spezia vuole continuare a essere protagonista della storia del nostro paese. Qui da noi ci sono tante realtà che hanno avuto un ruolo nazionale come Oto Melara, Enel e l'area della cantieristica. La città ha sviluppato molto il settore del turismo, negli ultimi anni, ma non ha mai rinunciato ad avere un ruolo forte nell'industria e nella produzione. Ed è proprio questo che bisogna ricordare, con grande nettezza, a chi nell'area Enel vorrebbe realizzare un parco giochi. Noi invece vogliamo creare posti di lavoro e continuare questa grande tradizione industriale.

Raffaella Paita, capogruppo Pd in Regione Liguria

 

Gruppo PD : " Il centrodestra vuole rinviare ancora il voto di sfiducia su Mai perché ha paura di andare sotto in aula"

Genova, 19 maggio 2017

cons reg Ge23122015 8536-cu s9999x250La paura fa 90. Perché non si spiega altrimenti la decisione improvvisa del centrodestra di far slittare ulteriormente il voto in aula sulla mozione di censura nei confronti dell'assessore Mai. Dopo aver pasticciato sulle riprese in diretta streaming del Consiglio di martedì scorso in cui si discuteva questo provvedimento - costringendoci così a rimandare il dibattito alla prossima settimana - oggi, all'improvviso, la maggioranza si è accorta che martedì (giorno in cui la mozione tornerà in aula) alcuni suoi assessori hanno degli impegni. E così, con una mossa ai limiti della correttezza istituzionale, il presidente del Consiglio Bruzzone ha convocato, alle 13,18, un Ufficio di presidenza integrato per le 15, meno di due ore dopo. Il Pd, naturalmente ha deciso di disertarlo. Perché siamo davvero stufi di questi metodi.

 

Paita:" Sulle case popolari da Scajola e Vaccarezza i soliti slogan. Rispondano nel merito alle nostre domande

Genova 19 maggio 2017

Regione De Ferrari 01Nel tentativo di difendersi dalle critiche piovute sulla legge regionale in materia di case popolari varata dalla Giunta Toti e appena approdata in commissione, l'assessore Scajola e il capogruppo di Forza Italia Vaccarezza non hanno risposto, nel merito, ai rilievi fatti dal Partito Democratico. Ma hanno sfoderato il solito campionario di banalità. Il Gruppo del Pd, infatti, ha smontato – con accuratezza e dopo un lungo studio – le fondamenta del provvedimento ideato dal centrodestra, dimostrando quali siano le falle contenute al suo interno. Ma Scajola e Vaccarezza, invece di provare a convincerci - nel merito - che ci stavamo sbagliando, hanno preferito rispondere piccati, utilizzando i classici slogan da campagna elettorale. In poche parole: la solita fuffa. Così, nella speranza di poter avere finalmente qualche risposta concreta, proviamo a riproporre i nostri quesiti:

- è vero o non è vero, Scajola e Vaccarezza, che chi si trasferisce in un'altra città all'interno della stessa Regione, pur avendo la residenza, deve aspettare 5 anni per poter fare la domanda per una casa popolare?
- è vero o non è vero che un ligure che supera, anche di poco, l'Isee per appena due anni (e neppure consecutivamente) si trova in mezzo a una strada?
- è vero o non è vero che se una famiglia che vive in un alloggio popolare ha un figlio che trova lavoro – anche come apprendista – nel giro di due anni viene sfrattata?
- è vero o non è vero che chi vive in una casa popolare potrà subaffittare una stanza anche a chi ha un reddito alto, oltre i parametri Isee, con buona pace di chi attende da anni un'assegnazione?
- è vero o non è vero che alcuni alloggi pubblici dichiarati di pregio dalla Regione non verranno assegnati alla povera gente, riducendo il numero delle case disponibili perché la Giunta se li vuole vendere e fare cassa?

 

Paita:" la Legge Toti-Scajola sulle case popolari sfratta chi già vive e limita la mobilità delle persone

Genova, 18 maggio 2017

case in citta 0 0"Il centrodestra ha presentato la nuova legge sull'assegnazione delle case popolari come un provvedimento che fa l'interesse dei liguri. Vi dimostriamo, invece, che è l'opposto". Lo dice la capogruppo del Pd in Regione Liguria Raffaella Paita, commentando la norma varata dal centrodestra sull'edilizia pubblica. "Una legge confusa – continua l'esponente del Partito Democratico - che avrà parecchie ripercussioni negative su cittadini, agevolando persino la perdita del diritto all'alloggio".
Ma vediamo punto per punto quali sono i nodi più critici della legge Toti-Scajola.


Gruppo PD:" Oggi il PD in piazza coi vigili del fuoco. Chiederemo alla Regione di aumentare il finanziamento della convenzione nella prossima variazione di Bilancio"

genova, 17 maggio 2017

vigili in piazzaAnche oggi il Partito Democratico ligure era al fianco dei vigili del fuoco, che sono scesi in piazza per rivendicare risorse, mezzi e personale per far fronte ai nuovi compiti che gli sono stati assegnati nella riorganizzazione dei Corpi dello Stato, in particolare a seguito del superamento del Corpo Forestale. Al corteo era presente, in rappresentanza del Gruppo Pd, il consigliere regionale Giovanni Lunardon. "L'assessore Giampedrone – sottolinea il Gruppo consiliare del Partito Democratico – presenterà in Giunta, nel giro di due settimane, una convenzione unica per protezione civile e antincendio boschivo, con un finanziamento globale di 800 mila euro. Una cifra che ci pare del tutto insufficiente, anche perché, scorporandola, significa che la Giunta regionale stanzierebbe per gli incendi boschivi soltanto 70 mila euro all'anno in più rispetto alla convenzione 2009, a fronte di un aumento considerevole dei compiti operativi dei vigili del fuoco, dovuto alla soppressione del Corpo Forestale". D'altra parte i conti sono presto fatti. Agli 800 mila euro della doppia convenzione si arriva sommando i 400 mila euro per la protezione civile e i 330 mila euro per l'antincendio boschivo stanziati fino al 2009 dalla Regione; all'epoca, però, il grosso di questi interventi era di competenza della Forestale (i vigili del fuoco infatti assolvevano esclusivamente agli interventi di interfaccia, e cioè quando era a rischio l'incolumità delle persone o quando le fiamme si avvicinavano troppo alle case). "

Questo sito usa i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile di navigazione. Continuando acconsenti all’utilizzo dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information