Comunicati Stampa

ROSSETTI: "LEGA NORD SENZA CREDIBILITA' DOPO VICENDA MULTEDO"

Genova, 20 ottobre 2017

Una Lega Nord senza più dignità e con la credibilità ridotta allo zero. Perché se il Carroccio non condivide la decisione del sindaco di aprire il centro di accoglienza a Multedo, allora si assuma coerentemente le proprie responsabilità e gli tolga la fiducia. Altrimenti la smetta con queste pantomime (la nota di ieri, per esempio) e le manifestazioni di protesta contro i centri per i richiedenti asilo.
Consentire, da una parte, a Bucci di vestire i panni del moderato e del responsabile e, dall'altra, mettersi a fare il partito di protesta – strumentalizzando chi ha paura – è un modo ridicolo di agire, che serve solo a dare un contentino ai militanti. La Lega, in campagna elettorale, ha fatto promesse che non poteva mantenere e adesso, per non sconfessare se stessa, diventa partito di governo a Tursi e di protesta a Pegli.
Il mercatino degli immigrati è stato spostato e non eliminato; il mercatino abusivo di Sottoripa c'era ed è ancora al suo posto; i centri di accoglienza aprono e loro chiacchierano a vanvera contro chiunque li gestisca. Se questa è serietà politica...

Il consigliere regionale del Pd Pippo Rossetti.

PAITA, DE VINCENZI E LUNARDON: “UN PLAUSO AL GOVERNO PER IL GOLDEN POWER SU PIAGGIO

Genova 20 ottobre 2017

piaggio pgLa decisione di esercitare il “golden power” su Piaggio ed evitare così il frazionamento e il conseguente indebolimento dell’azienda, dimostra una grande sensibilità da parte del Governo e in particolare del ministro Pinotti, che ha proposto quest’iniziativa a nome dell’Esecutivo. In un momento di grave crisi occupazionale, soprattutto nel savonese, la difesa dei posti di lavoro e di un’eccellenza come Piaggio rappresenta un segnale importante per il nostro territorio. Parliamo di un patrimonio di professionalità che non deve andare disperso o svenduto, ma rilanciato e sostenuto. Quest’intervento del Governo guarda al futuro di Piaggio e dei suoi dipendenti. I consiglieri regionali del Pd Raffaella Paita, Luigi De Vincenzi e Giovanni Lunardon.

FERRANDO: "BENE I FONDI DEL MINISTERO PER LA CONCLUSIONE DELLA MESSA IN SICUREZZA DEL SITO STOPPANI. IL GOVERNO HA MANTENUTO LE PROMESSE. LO STIMOLO DEL PD HA DATO I SUOI FRUTTI"

 

Genova, 19 ottobre 2017

I 14,8 milioni di euro stanziati dal Ministero dell'Ambiente per il completamento della messa in sicurezza del sito della Stoppani sono un'ottima notizia. Il Governo ha mantenuto gli impegni presi col territorio e con questi fondi, finalmente, si potrà aprire una nuova pagina per Cogoleto e Arenzano. Una volta terminata la messa in sicurezza dell'area, si potrà pensare alla bonifica.
Nei mesi scorsi avevo presentato un'interrogazione in Consiglio regionale per chiedere alla Giunta quali iniziative intendesse assumere per arrivare alla conclusione di questi interventi e sono contento che quel documento abbia dato i suoi frutti e che il Pd sia riuscito a stimolare il Governo.
Per la Stoppani era necessario mettere in campo un'azione su più livelli istituzionali, dal locale al nazionale e la notizia odierna conferma la bontà di quella linea. Oggi è un giorno molto importante per i cittadini di Cogoleto e Arenzano, perché possono davvero vedere la fine di un lungo percorso iniziato ormai dieci anni fa e guardare con ottimismo al risanamento di un disastro ambientale e sanitario durato un secolo e fra i peggiori del nostro Paese.
Valter Ferrando, consigliere regionale del Pd.

GRUPPO PD: "ACCESSO AGLI ATTI PER FARE CHIAREZZA SULLA GARA DI LIGURIA DIGITALE"

Genova, 19 ottobre 2017

La sospensione, a seguito di alcuni esposti, della gara d'appalto gestita da Liguria Digitale per la digitalizzazione delle immagini diagnostiche nelle Asl di Imperia, Savona e La Spezia (valore: 26 milioni di euro) ci preoccupa molto. Naturalmente, prima di formulare giudizi, attendiamo che le indagini facciano il proprio corso, ma come Gruppo del Partito Democratico abbiamo chiesto un accesso agli atti, per avere un quadro più chiaro della vicenda.
Gruppo Pd in Regione Liguria.

MICHELUCCI E PAITA: "INACCETTABILE IL TAGLIO ALLE RISORSE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA. ALL'APPELLO MANCANO 2,5 MILIONI"

Genova 18 ottobre 2017

E' arrivata in questi giorni ai Distretti socio-sanitari la notizia di un taglio lineare che ammonta a 2,5 milioni di euro della quota per la non autosufficienza generalmente ricompresa nel Fondo per la politiche sociali. Una scelta inaccettabile e in totale controtendenza con l'operato del Governo nazionale – che quest'anno, solo per la Liguria, ha stanziato, per lo stesso capitolo, 16,8 milioni di euro – che toglie risorse ai Comuni e quindi ai cittadini più deboli e che, arrivando tardivamente, costringe i distretti a riprogrammare in corsa le loro attività, operando a loro volta tagli ai servizi. I governi regionali di centrosinistra, oltre a programmare le risorse a marzo di ogni anno, non hanno mai tagliato questi fondi, nonostante la crisi economica. Anzi, quando venivano meno i contributi nazionali, sopperivano con risorse del bilancio regionale.
E' evidente che manca completamente l'attenzione al sociale, alle fasce di popolazione più deboli e in difficoltà, si pensi solo al servizio di assistenza domiciliare che viene finanziato proprio con risorse appartenenti al Fondo per le politiche sociali.
A farne le spese saranno soprattutto i piccoli Comuni, che facevano conto proprio su questi trasferimenti.
L'entità del taglio è preoccupante. Per fare qualche esempio si tratta di 155 mila euro per il Distretto socio sanitario 19 della Val di Magra e 158 mila per quello spezzino. A fronte delle richieste di chiarimenti avanzate dai presidenti dei distretti la Regione ha risposto che le risorse sono nelle disponibilità di Alisa: cioè si utilizzano i fondi del sociale per coprire la spesa sanitaria.
Una modalità di gestione veramente inaccettabile. Non si possono lasciare soli i Comuni e non si possono trasformare le risorse sociali in sanitarie per coprire buchi che l'attuale Giunta sta generando.
Chiediamo alla Regione di stanziare le risorse e di distribuirle ai distretti, per rispondere ai bisogni dei cittadini fragili della Liguria.

I consiglieri regionali del Pd Juri Michelucci e Raffaella Paita.

Questo sito usa i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile di navigazione. Continuando acconsenti all’utilizzo dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information