Comunicati Stampa

Paita, Rossetti, lunardon e Ferrando: " Sul biodigestore di Isola del cantone troppe incongruenze. La propietà dell'area é ancora incerta. La Giunta Toti poteva dire No all'impianto e non l'ha fatto"

Genova, 27 marzo 2017

biodigestore-isola del cantoneSono emerse novità incredibili, questa mattina in Commissione, in merito al biodigestore di Isola del Cantone. E ogni atto che riguarda quest'opera evidenzia una serie di problematiche sulla conduzione politico-amministrativa della pratica.
Per prima cosa gli uffici regionali ci hanno confermato che nel progetto per l'impianto sottoposto a Via mancano i rilievi sulla valutazione paesistica. Anzi non è stata neppure avviata la procedura da parte dell'azienda perché non è stata ancora definita la proprietà di una porzione dell'area su cui dovrebbe sorgere il biodigestore: un punto sul quale gli stessi uffici hanno chiesto chiarimenti, senza i quali l'opera non può essere realizzata.
In secondo luogo all'impianto manca la conformità urbanistica al Puc vigente a Isola del Cantone. A oggi l'autorizzazione unica necessaria a chiedere una variante (visto che il Piano urbanistico comunale non prevede alcun impianto) non è stata ancora approvata.

 

Gruppo PD: " Oggi saremo in piazza contro il gioco d'azzardo. La Giunta regionale faccia rispettare la Legge"

Genova, 27 marzo 2017

Il Gruppo consiliare del Pd in Regione Liguria aderisce alla manifestazione contro il gioco d'azzardo organizzata, oggi pomeriggio alle 17,30 davanti alla sede della Regione, dal coordinamento delle associazioni unite contro la ludopatia (Cgil, Cisl, Uil, Auser, Arci, Uisp, Sert, Mettiamoci in gioco e consulta comunale di Genova contro l'azzardo). Un'iniziativa per dire no alla proroga voluta dalla Giunta Toti all'entrata in vigore, a maggio, della legge regionale sulla regolamentazione dell'azzardo.

 

PD Tigullio: " Comune di lavagna sciolto per mafia. Ora occorre attivare le migliori energie sul territorio per ripartire dalla legalità"

Genova, 24 marzo 2017

Oggi il Consiglio dei Ministri ha deliberato lo scioglimento del Consiglio Comunale di Lavagna per infiltrazioni mafiose. E' la prima volta che succede nel Levante ligure e si tratta di una decisione di portata storica.
A giugno dell'anno scorso dall'inchiesta "Conti di Lavagna" che aveva portato al coinvolgimento del Sindaco e della sua maggioranza (e successivamente alle loro dimissioni) erano emersi indizi su potenziali rapporti tra politica e criminalità organizzata con scambi, condizionamenti delle elezioni comunali, favori e interessi illeciti.
La decisione presa oggi dal Consiglio dei Ministri conferma che bisogna approfondire ulteriormente ciò che è accaduto a Lavagna e che non ci sono ancora le condizioni per svolgere regolari elezioni. Segno che il condizionamento e la presenza della criminalità organizzata in questo territorio sono ancora forti e radicati.
Occorre quindi attivare le migliori energie di Lavagna e del Tigullio, per rafforzare e sostenere la legalità nel tessuto economico e sociale del nostro territorio. Un territorio in parte ancora sano, fortunatamente, ma di certo non immune.

Paita e Michelucci: " Trasferimenti degli infermieri da ASL 4 ad ASL5, la Giunta regionale ha seguito finalmente le indicazioni del PD"

Genova 24 marzo 2017

Buone notizie dall'Asl 5. La Giunta regionale, dopo la lunga battaglia ingaggiata dal Pd sin dall'ottobre scorso per trasferire una parte di infermieri dal Tigullio allo spezzino, ha deciso di seguire le indicazioni contenute nella nostra proposta per rimpinguare gli organici. E così, in attesa del concorso dei prossimi mesi, tra poche settimane partiranno i trasferimenti dei tempi determinati dall'Asl 4 all'Asl 5, mentre i "buchi" che si verranno a creare nel Tigullio saranno coperti con lo scorrimento delle graduatorie. Una soluzione che mette d'accordo tutti e che, alcuni mesi fa, avevamo individuato insieme al nostro ufficio legislativo, per offrire una soluzione rapida alla carenza di personale di cui da tempo soffre la sanità spezzina, senza per questo procedere a nuove assunzioni (che arriveranno con il concorso) che avrebbero portato un aggravio di spesa alle casse regionali. Siamo contenti che l'assessore Viale si sia convinta a seguire la strada che le avevamo suggerito. E lo siamo soprattutto perché in questo modo si riuscirà a fornire un servizio migliore ai pazienti dell'Asl 5, visto che la cronica penuria di personale infermieristico ha creato non pochi problemi al servizio in questi ultimi mesi. Il concorso sarà l'ultima tappa di questo percorso.

I consiglieri regionali del Pd Raffaella Paita e Juri Michelucci.

 

Paita, Ferrando  Lunardon e Rossetti:" Nuovo pasticcio al san martino: Viale e La Valle  spieghino l'esclusione di Gustavino"

Genova, 23 marzo 2017

Dopo il caos al Pronto Soccorso e le polemiche suscitate dalla curiosa soluzione trovata dalla Giunta Toti per risolvere i problemi dell'emergenza - e cioè sdoppiare in due un reparto in modo da poter nominare un altro primario - ecco che il San Martino finisce in un altro pasticciaccio brutto che questa volta riguarda il concorso per l'assunzione di tre ginecologi.
Già perché il direttore sanitario dell'ospedale Giovanni La Valle ha deciso di escludere dalla commissione che si occuperà di valutare i candidati ai tre posti di ginecologo proprio il primario del reparto Claudio Gustavino, prendendo direttamente il suo posto. Una scelta "inusuale" – tanto per utilizzare un eufemismo – di cui vorremmo capire i motivi. La vicenda, leggiamo sulla stampa, è finita persino all'attenzione dei carabinieri dei Nas, che potrebbero aprire un'inchiesta. Ma al di là delle eventuali ricadute giudiziarie, è il metodo che lascia basiti. L'assessore Viale spieghi le ragioni che hanno portato La Valle a escludere il primario di Ginecologia dalla commissione che sceglierà i tre nuovi ginecologi del San Martino.

I consiglieri regionali del Pd Raffaella Paita, Valter Ferrando, Giovanni Lunardon e Pippo Rossetti.

Questo sito usa i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile di navigazione. Continuando acconsenti all’utilizzo dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information