Comunicati Stampa

 

Paita:"Bocciato l'emendamento per la chiusura di Piazza del Mercato"

Genova, 6 giugno 2017

piazza cavour la speziaNessun finanziamento per la chiusura di Piazza del Mercato (piazza Cavour). Anche quest'emendamento presentato dal Pd, che chiedeva un intervento importante per la città della Spezia, è stato bocciato dalla Giunta Toti in variazione di bilancio. Avevamo chiesto al centrodestra di stanziare 800 mila euro per realizzare l'opera, ma ci hanno detto di no, anche se Toti, tempo fa, aveva promesso di finanziare l'operazione. Nello specifico si trattava di una "chiusura a scomparsa", all'interno di un progetto di riqualificazione complessivo della piazza. Un intervento a protezione degli operatori, ma anche degli acquirenti, condiviso con le associazioni di categoria. La chiusura a scomparsa avrebbe permesso di proteggere la piazza dall'inquinamento e dagli agenti atmosferici, soprattutto d'inverno, con la possibilità di aprire maggiormente gli spazi d'estate. Ancora una volta la Giunta Toti – tradendo le proprie promesse - ha detto no, assestando l'ennesimo schiaffo al territorio spezzino

Raffaella Paita, capogruppo Pd in Regione Liguria

 

Ferrando: " La Giunta Toti ha bocciato il mio emendamento a favore delle Società operaie di mutuo Soccorso"

Genova, 6 giugno 2017

SOCIETA-OPERAIADurante la discussione sulla variazione di bilancio oggi in Consiglio regionale, il consigliere del Pd Valter Ferrando ha presentato un emendamento in cui si chiedeva lo stanziamento di 50 mila euro a favore delle Società Operaie di Mutuo Soccorso. Nel suo intervento l'esponente del Pd ha motivato tale necessità "anche a fronte di una cifra modesta rispetto ai reali bisogni delle SOMS, per dare un segnale forte a un mondo che sta svolgendo un ruolo sociale importantissimo". Secondo Ferrando, infatti, all'interno delle Società Operaie di Mutuo Soccorso "le persone, spesso sole e socialmente deboli, trovano occasioni di aggregazione umana, ma anche sedi riscaldate d'inverno e rinfrescate d'estate dove è possibile svolgere attività ludiche e sociali, che combattono la solitudine e l'esclusione sociale nelle città. Purtroppo – conclude Ferrando - la Giunta Toti ha respinto il nostro emendamento giustificandosi con la necessità di chiudere il bilancio in fretta. Grazie alla mia insistenza però sono riuscito a strappare un parziale impegno per l'assestamento di bilancio che si terrà a luglio. In quell'occasione presenterò nuovamente l'emendamento a favore delle SOMS".

Paita e Michelucci." la Giunta Toti non spende neppure un euro in variazione di Bilancio per il territorio spezzino"

genova, 6 giugno 2017

Paita e micheluccijpgNon un euro sul Palio del Golfo. Ma neppure su Special Olympics, la Curva Ferrovia dello stadio Picco e la bonifica delle discariche abusive nella Valle del Magra. Insomma, fedele al suo comportamento degli ultimi due anni, la Giunta Toti non ha investito nulla sul territorio spezzino. E lo ha ribadito questa mattina in occasione della variazione di bilancio in Consiglio regionale, dove i nostri emendamenti sono stati bocciati. Avevamo chiesto infatti un investimento di 50 mila euro per il Palio del Golfo della Spezia e la Giunta Toti ha detto no. Trentamila euro per Special Olympics, i giochi estivi dedicati ai disabili organizzati nella nostra città, e il centrodestra ha risposto picche. Ma non è tutto. La Giunta regionale ha bocciato anche i nostri emendamenti che chiedevano di finanziare la progettazione e la realizzazione della copertura della storica Curva Ferrovia dello stadio Picco della Spezia (indicando anche dove reperire i 2 milioni di euro necessari) e aiutare con 300 mila euro tutti quei Comuni della Valle del Magra che hanno già individuato le discariche abusive e intendono intervenire per bonificare il territorio. Da quando Toti governa la Regione Liguria non è stato più speso nulla nello spezzino.

I consiglieri regionali del Pd Raffaella Paita e Juri Michelucci.

 

Gruppo PD " Paita chiede al Governo di aiutare i lavoratori ma il centrodestra si attacca a un sms"

Genova, 6 giugno 2017

Sulla vicenda dell'sms inviato al Poletti "sbagliato" crediamo sia in atto un goffo tentativo di strumentalizzazione da parte del centrodestra, che dev'essere davvero messo male per attaccarsi a una vicenda come questa. Lo spirito con cui il nostro capogruppo ha inviato quel messaggio era sollecitare un intervento del Ministro, in una vertenza importante e difficile come quella di Ericsson. E ci chiediamo sinceramente cosa ci sia di male nel sollecitare un proprio rappresentante di governo a intervenire il più velocemente possibile in favore dei lavoratori, anche per evitare strumentalizzazioni elettorali come quelle che si sono puntualmente verificate. Ringraziamo comunque gli esponenti del centrodestra di aver segnalato la cosa, così la nostra capogruppo ha potuto mandare il messaggio al Poletti giusto.

Gruppo Pd in Regione Liguria.

 

Paita:" Ho difeso i lavoratori. E' questa la mia colpa ?"

Genova 6 giugno 2017

Paita mezzo bustojpgQuesta mattina un sindacalista mi ha chiamata per chiedermi di anticipare la discussione su Ericsson nella riunione dei capigruppo. E così mi sono subito attivata con il presidente Bruzzone, insieme al collega Muzio. Poi si è tenuto l'incontro nel corso del quale, in un clima teso, i lavoratori hanno chiesto di stimolare il governo a concedere un faccia a faccia per la cassa integrazione. Ho inviato un messaggio per chiedere l'incontro. Questa è la vicenda. Secondo il centrodestra dovrei vergognarmi perché ho scritto un sms al ministro Poletti per chiedergli di intervenire sulla vertenza Ericsson. Ma d'altra porte cosa dobbiamo aspettarci da gente che non ha mai difeso in vita sua i lavoratori? Non ho mica parlato di "bestie straniere" o messo "mi piace" a chi chiedeva di mettere gli stranieri o i gay nei forni, come hanno fatto illustri esponenti della destra ligure. E se ho parlato di elezioni imminenti, nel mio sms, è solo perché non volevo – come infatti poi è accaduto – che il centrodestra strumentalizzasse la vicenda Ericsson per fini elettorali. Il mio unico errore è stato quello di spedire il messaggio al Poletti "sbagliato" (un omonimo del Ministro).

Questo sito usa i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile di navigazione. Continuando acconsenti all’utilizzo dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information