Comunicati Stampa

Paita: " Dati sulla povertà infantile preoccupanti. Da due anni la Liguria è ferma "

Genova, 1 aprile 2017

bambino-piccolo-soloIl dato sulla povertà infantile in Liguria emerso dall'indagine di Save the Children è molto preoccupante. Siamo il fanalino di coda delle regioni del nord, con un minore su cinque che vive in condizioni di povertà relativa. Invece di perdere tempo con la proroga alle slot machine la Giunta ligure dovrebbe preoccuparsi maggiormente del benessere dei suoi cittadini. Ma da due anni è tutto fermo. Dopo i prossimi dati sull'economia dei mesi scorsi, questo report rappresenta un altro drammatico campanello d'allarme che significa l'impossibilità per chi nasce e vive in Liguria di guardare con speranza al futuro. È' la notizia più triste che poteva essere data.
Raffaella Paita, capogruppo Pd in Regione Liguria

 

Gruppo PD:" Approvata la proroga alle slot: Uno schiaffo alle regole e alle vittime del gioco"

Genova, 1 aprile 2017

Regione De Ferrari 01Il colpo di mano del centrodestra sulle slot-machine alla fine è andato a segno. In poche ore la Giunta Toti ha spazzato via anni di lavoro contro la ludopatia. Questa proroga, come abbiamo detto più volte, non aiuta bar e tabacchini, perché sposta solo il problema a dopo le elezioni, senza prevedere alcun percorso di inclusione e aiuto come proposto dal Pd. Il voto di questa mattina è uno schiaffo alle tante persone rovinate dal gioco e ai Sert e alle associazioni, che ogni giorno lavorano sul territorio.

Gruppo Pd in Regione Liguria

 

Paita:"Ilaria Cavo é il primo assessore alla Cultura contro la Cultura"

Genova, 1 aprile 2017

Museo del Sigillo - Palazzina delle ArtiL'assessore Cavo è il primo assessore alla cultura contro la cultura. Ieri ha attaccato i musei spezzini, dopo che abbiamo fatto miracoli, come centrosinistra, per promuovere il risveglio culturale della città negli ultimi vent'anni. E adesso che i risultati arrivano, la Giunta Toti prova a demolire tutto. A Spezia abbiamo dei veri e propri tesori che devono rimanere in città, come dimostra la recente Mostra elogio della bellezza al Museo Lia. Oggi inauguriamo la nuovo biblioteca all'ex Fitram nel quartiere del levante grazie ai fondi statali e regionali della precedente Giunta, mentre da quando è arrivato il centrodestra in Regione gli aiuti per La Spezia sono immediatamente finiti. Un altro nostro fiore all'occhiello è il Museo Navale e anche in quel caso vogliamo avvertire l'assessore Cavo: giù le mani. Anzi sarebbe importante riuscire a inserire questo museo nel progetto del Waterfront e proseguire sulla strada della musealizzazione del sommergile Da Vinci avviata dal Comune. Così come dobbiamo riprendere un bellissimo progetto dell'architetto Ricco per mantenere e rafforzare il museo navale compresi i beni Consubim. Ne parleremo con il Ministro Pinotti. La Regione faccia la sua parte anziché immaginare di portare via il nostro patrimonio di città.

Raffaella Paita, capogruppo Pd in Regione

 

Rossetti:" la centrale Enel di genova non riaprirà"

Genova, 31 marzo 2017

 Ringraziamo l'assessore Giampedrone che, come aveva chiesto il Gruppo del Pd in Regione Liguria presentando prima un'interrogazione e poi un ordine del giorno, si è attivato con il Governo ed Enel affinché la centrale a carbone di Genova non venisse riavviata. Siamo molto soddisfatti che il Ministero dello Sviluppo Economico abbia deciso di non far ripartire l'impianto di Sampierdarena. Il Partito Democratico ha lavorato fin da subito – in Liguria e a Roma - per arrivare a questa risultato e anche la Giunta, dopo le nostre sollecitazioni, ha fatto la sua parte.

Pippo Rossetti, consigliere regionale Pd

 

Paita:" Toti la smetta di strumentalizzare . L'azzardo é un argomento serio e non va utilizzato per raccogliere un pugno di voti"

Genova 30 marzo 2017

Toti quando non ha argomenti – cioè molto spesso – preferisce passare direttamente all'insulto o alle bufale. Ed ciò che ha fatto anche oggi accusando il Pd di accomunare i tabaccai ai criminali sul tema dell'azzardo, solo perché il Partito Democratico ha chiesto che venga applicata la legge regionale (approvata anche dal centrodestra) contro il proliferare indiscriminato delle slot-machine. Di fronte a una piaga sociale come la ludopatia Toti, per un pugno di voti, mette in atto un colpo di mano che, tra l'altro, non servirà neppure ad aiutare chi oggi ospita nel proprio esercizio commerciale le slot.

Questo sito usa i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile di navigazione. Continuando acconsenti all’utilizzo dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information