Comunicati Stampa

Gruppo Pd: "Il primo gennaio entra in vigore il reddito di inclusione approvato dal Governo: una chance per le famiglie povere"

La Liguria deve consolidare la propria rete sociale. La giunta Toti non ha voluto discutere la proposta di legge del Gruppo Pd per rafforzare questa misura a livello locale. Parte la campagna informativa del Pd

Genova, 6 novembre 2017


POVERTà REGIONE x web okIl primo gennaio 2018 entrerà in vigore il Reddito di inclusione (Rei) approvato dal Governo il 29 agosto scorso. Si tratta di uno strumento di contrasto alla povertà che sostituisce il Sostegno all'inclusione attiva (Sia) e l'Asdi, l'Assegno di disoccupazione. Il Rei consiste in un assegno mensile che può variare da 190 ai 485 euro (a secondo della composizione del nucleo familiare) per una durata massima di 18 mesi, mentre dovranno passare almeno 6 mesi dall'ultima erogazione prima di poter fare una nuova richiesta. I beneficiari sono le famiglie con Isee inferiore a 6 mila euro e con figli minori o disabili, donne in stato di gravidanza o disoccupati ultracinquantenni. Per accedere a questo contributo è necessaria l'adesione a un progetto personalizzato per il superamento della condizione di povertà.

I dati

Secondo i dati Istat del 2016, in Italia, un milione e 619 mila famiglie (circa 4,7 milioni di individui) vivono in condizioni di povertà assoluta. Si tratta del 7,9% della popolazione. A essere maggiormente colpite sono le famiglie con minori.

In Liguria, sempre secondo i dati Istat del 2016, le persone povere sono 104.324, di cui 24 mila minori e circa 41 mila famiglie. Nello specifico i dati Inps 2016 per la Liguria ci dicono che nella nostra regione, l'anno scorso, sono stati presentati 24 mila Isee sotto i 3 mila euro; 10 mila Isee sotto i 5 mila euro; 12 mila Isee compresi nella fascia 5 mila e 7 mila 500 euro.

Paita: "Ripartiamo da Savona, dall'autonomia dei porti voluta dal Governo Prodi, dalle infrastrutture per il rilancio dell'economia"

 

Genova, 14 novembre 2017

savona incontro 6"Ripartiamo da Savona – dichiara Raffalla Paita, capogruppo Pd in Regione Liguria ai margini di un affollatissimo incontro organizzato dal Pd di Savona, proprio in una SOMS di Vado, sul rilancio del territorio – perché l'autonomia del porto di Vado considerata un volano per il rilancio economico del Savonese, è il frutto della politica del centrosinistra ed è stata voluta dal Governo Prodi. Ma questa spinta positiva va orientata nella direzione giusta, cioè negli investimenti sulle infrastrutture pubbliche che hanno una ricaduta immediata sul territorio, in particolare sulle condizioni di lavoro dei giovani e delle donne, particolarmente segnate dalla crisi. Purtroppo proprio a Savona, la sindaco Ilaria Caprioglio non sembra svolgere il ruolo di guida necessario per portare avanti un progetto così importante e decisivo. Dopo quasi 900 giorni di governo Toti i risultati su economia e lavoro sono catastrofici. Siamo scesi sotto i 600.000 occupati e il tasso di disoccupazione ormai è al 10 %. Ci raccontano una Liguria di successo ma l'economia va a picco. Ecco il modello Toti e Caprioglio. Desidero ringraziare per l'importante e partecipata iniziativa il segretario provinciale Giacomo Vigliercio".

Raffaella Paita, capogruppo Pd in Regione Liguria

ROSSETTI: "BENE INAUGURAZIONE CASA DELLA SALUTE DEL MARTINEZ DI PEGLI FINANZIATA DALLA GIUNTA PRECEDENTE. ADESSO SERVE LA STRUTTURA DELLA VALPOLCEVERA"

Genova, 10 novembre 2017

casa-salute-logoSiamo molto soddisfatti che la Casa della Salute del Martinez di Pegli sia stata finalmente inaugurata. Un progetto ideato, finanziato e realizzato dalla precedente amministrazione regionale, che rappresenta una risposta importante al sistema di integrazione sanitario territoriale della nostra città. Quella di Pegli si aggiunge alle Case della Salute Doria, Manifattura Tabacchi, Fiumara e Villa De Mari.
Adesso speriamo che la Regione ci faccia inaugurare presto anche la Casa della Salute della Valpolcevera, progetto che si è fermato con l'arrivo della giunta Toti

Pippo Rossetti, consigliere regionale del Pd.

PAITA: "GIAMPEDRONE CHIEDA AL GOVERNO DI NEGOZIARE LE TARIFFE SALT PER GLI AUTOMOBILISTI DELLA VAL DI MAGRA"

Genova 10 novembre 2017

agevolazioneRispondendo alla nostra domanda sul perché la Giunta ligure non avesse ancora chiesto al Governo di negoziare con Salt le tariffe autostradali nella zona della Ripa, l'assessore Giampedrone ha invitato l'opposizione a occuparsi della questione. Ma è compito della Giunta, e cioè dell'istituzione, avviare un rapporto col Governo centrale per risolvere il problema degli automobilisti della Val di Magra, costretti a usare l'autostrada finché la Ripa non sarà operativa.

LUNARDON, MICHELUCCI E GARIBALDI: "COMMERCIO, ANCHE LE NUOVE STRUTTURE DELLA MEDIA DISTRIBUZIONE VERSINO IL CONTRIBUTO DI SOLIDARIETA' AI CIV"

Genova, 10 novembre 2017

documentiEstendere anche alla media distribuzione l'obbligo del contributo di solidarietà che la grande distribuzione deve pagare ai Civ, quando apre una nuova struttura. È questo, in sintesi, il contenuto dell'emendamento del Pd al Testo Unico sul Commercio in discussione in questi giorni in Commissione, che è stato appena depositato. "Abbiamo condiviso – spiegano i consiglieri regionali del Partito Democratico Giovanni Lunardon, Juri Michelucci e Luca Garibaldi – la norma della Giunta che impone ai nuovi insediamenti della grande distribuzione di versare un contributo di solidarietà a favore del tessuto commerciale circostante. Ma siamo convinti che sia giusto allargare quest'obbligo anche alla media distribuzione (compresi ampliamenti, trasformazioni e accorpamenti), che in futuro sarà molto più numerose rispetto alla grande. Ma visto che le strutture di media distribuzione (a differenza di quelle grandi) non vengono autorizzate dalla Regione ma dai Comuni, abbiamo dovuto pensare a una norma specifica, che non minasse l'autonomia delle civiche amministrazioni".

Questo sito usa i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile di navigazione. Continuando acconsenti all’utilizzo dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information