Partito Democratico e mafia incompatibili

Genova, 13 novembre 2010

da Il Corriere Mercantile del 13 novembre 2010

«Non c'è compatibilità tra Partito Democratico e odore di mafia, dimostriamolo ogni giorno»: è il monito rivolto ieri al Palazzo della Meridiana dal segretario del Pd ligure Lorenzo Basso, ai 600 delegati del partito riuniti per la prima conferenza programmatica Campi di regionale, "Stabilimenti". L'appello alla politica è stato accolto da un lungo applauso nel giorno in cui a Genova l'Antimafia ha confiscato beni per un milione di euro.

«No a compromessi - ha esortato Basso - gli amministratori Pd sono in prima fila contro la mafia, lo dimostra la capogruppo del nostro partito a Bordighera, Donatella Albano, che è sotto scorta».

Basso ha anche invitato il Partito Democratico a «riappassionare i giovani, ora disillusi dalla politica e senza un futuro a causa di precarietà e disoccupazione», annunciando la nascita di nuovi «campi di formazione politica del Pd per 400 persone in due anni».

Durante il dibattito dedicato a discutere del "Prima e dopo Pomigliano. Lavoro e relazioni sociali", il senatore del Pd, ex segretario nazionale della Cisl, Franco Marini ha evidenziato il «fallimento dell'azione del governo, con una crescita del Pil ai livelli più bassi d'Europa, una domanda interna debolissima, una produttività ai minimi storici e il calo delle esportazioni».

L'europarlamentare Pd ed ex segretario nazionale Cgil Sergio Cofferati ha denunciato, invece, come «da gennaio 2011 la crisi in Italia si amplificherà a causa della cassa integrazione finita per 800.000 lavoratori e i redditi delle famiglie in calo, a cui si aggiungeranno i tagli alla protezione sociale».

Cofferati ha infine invitato la Fiat a investire di più sulla qualità delle automobili prodotte, e i sindacati «ad accelerare l'istituzione di tre grandi contratti nazionali per industria, servizi e pubblico impiego, e a trovare l'accordo prima possibile per una nuova legge sulla rappresentanza».

La conferenza progranmmatica proseguirà anche oggi con un incontro plenario dedicato al federalismo, al quale, dalle 10, parteciperanno il presidente della Regione, Claudio Burlando, l'europarlamentare del Pd, Francesca Balzani, il deputato del Pd Rolando Nannicini, membro della commissione parlamentare per l'attuazione del federalismo fiscale. Subito dopo, intorno alle 11, un altro dibattito sarà dedicato al tema "Sfidare le destre con i nostri valori", con la presenza di Pierluigi Castagnetti, deputato del Pd, Elide Taviani, vicepresidente di Asal, Giuseppe Vacca, presidente della Fondazione istituto Gramsci.

 

clicca qui per scaricare il pdf dell'articolo Basso - 13-11-2010 pd e mafia incompatibili



Questo sito usa i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile di navigazione. Continuando acconsenti all’utilizzo dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information