Raid vandalico di Rovegno, Pd Liguria: "Episodio di preoccupante intolleranza"

Genova, 13 settembre 2017

boot-998966 960 720Il raid vandalico, compiuto nelle ultime ore a Rovegno ai danni della struttura che avrebbe dovuto ospitare quattro richiedenti asilo, è un episodio di una violenza e gravità assoluta. Un gesto vigliacco, espressione preoccupante e pericolosa di ignoranza e intolleranza, che è dovere di tutte le forze democratiche denunciare e contrastare con forza.

Il PD ligure esprime in queste ore la propria solidarietà al primo cittadino di Rovegno. E condivide il suo giudizio sull'accaduto. Questo fatto va a danno non solo della famiglia di quattro profughi siriani richiedenti asilo, ma della stessa comunità di Rovegno. Una comunità che rischia di venire associata a un'immagine di grande inciviltà per colpa di pochi vigliacchi e che ha comunque subito un danno ingente a una struttura pubblica. Per questo motivo auspichiamo che al Comune possa arrivare un adeguato aiuto finanziario per riparare i danni subiti - ci impegneremo in tal senso - e impedire che abbiano la meglio la violenza e l'intolleranza.  Allo stesso tempo ci auguriamo che le autorità competenti facciano presto luce su quanto accaduto e che i colpevoli siano richiamati alle loro responsabilità.

Da parte nostra continueremo a lavorare sul territorio, anche attraverso il contributo dei nostri amministratori, per portare avanti i valori di tolleranza e integrazione che sono alla base della nostra democrazia, nella consapevolezza che l'accoglienza diffusa è il modello da perseguire perché i piccoli numeri consentono e favoriscono l'integrazione.

Non meno attento sarà l'impegno per contrastare quelle forme di populismo che possono fomentare e condurre a episodi di violenza come quello di Rovegno.

Vito Vattuone, segretario regionale PD Liguria

Gruppo Consigliare PD Comune Genova

Questo sito usa i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile di navigazione. Continuando acconsenti all’utilizzo dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information