Contro la violenza sulle donne, intervento di Margherita Mereto Bosso

margherita_mereto_bossoArriva un altro 25 Novembre. Quante iniziative, quanti incontri, quanti convegni abbiamo fatto, questo giorno, per tutti gli anni passati? Tanti, e non saranno mai troppi. Mi dico che l'importante è non pensarvi solo in questa data, che l'importante è parlarne sempre, divulgare, commentare.. convicere. Si, convincere. Perchè ancora c'è chi non ci crede, chi nega, chi è perplesso, chi non si fida: i numeri forse sono troppo grandi, le stime forse sono imprecise, i casi forse sono da valutare diversamente. Chi dubita spesso è donna. Questo aspetto mi ha spesso terribilmente affascinato: come può essere la donna a negare e negarsi l'evidenza? Eppure accade, più spesso, forse, di quante volte sento gli uomini appellarsi ad ipotetici "errori di calcolo" o "errori di valutazione". Già, accade che è meglio cosi: che in fondo, se non ne parliamo..non lo sentiamo neppure. Io mi sono sempre sentita un po' differente, perchè sento il dolore altrui sulla mia pelle, lo faccio mio, mi immagino nella situazione di sofferenza che tocca od è toccata a chi mi è accanto, magari lontanissimo, in un altro Paese forse, o nell'appartamento di fianco al mio.

Allora percependo anch'io i pugni, i calci, il sangue che cola dalle tempie sbattute sul pavimento, i lividi che pulsano sulle braccia, le ginocchia sbucciate, le palpebre gonfie, le occhiaie marcate, le dita spezzate, le caviglie distorte, le costole appuntite dallo schianto, la schiena che brucia, i capelli strappati, le spalle contratte, il collo segnato, la voce rotta, le guance marcate dal pianto, il fiato corto, le labbra ferite, lo sguardo rotto, il pensiero inanimato, il cervello esanime.... percependo tutto questo non posso tirarmi indietro. Eppure io sono una donna fortunata, una donna che non è mai stata picchiata, non è mai stata violentata, minacciata, abusata, torturata, malmenata. Sono "fortunata". Perchè sono in minoranza. Ecco oggi, 25 Novembre, è la giornata per tutte coloro che hanno subito un abuso e l'hanno denunciato, per tutte coloro che non l'hanno fatto, per tutte coloro che verranno abusate ancora, anche oggi stesso. Perchè la violenza non si ferma, ed è proprio "fortunata" colei che non l'incontra per la sua via. Un attimo: mi sorge un dubbio. C'è qualcuna di noi che può davvero dire di non essersi mai riparata con la violenza maschile? No. E pensandoci, tutte coloro che si sono riviste nel ruolo di "fortunate", dovrebbero chiedersi se davvero rientrano nella categoria. Me compresa. Buon 25 Novembre, buona Giornata Mondiale contro la Violenza sulle Donne. Inutile dirvi che mi auguro sia solo una giornata in più di memoria, lotta, prevenzione, difesa, oltre a tutte le altre 364.

Margherita Mereto Bosso, giovane democratica

Questo sito usa i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile di navigazione. Continuando acconsenti all’utilizzo dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information