Ilva, Caleo: "Per Governo e PD è la più grande sfida della green economy"

Roma, 26 gennaio 2016

massimo caleo"In dl buone notizie per lavoratori Cornigliano. Serve clima più sereno per lavorare a futuro. Il 4 febbraio a Roma ci sarà anche Esecutivo".

"L'Ilva è una grande industria siderurgica che dà occupazione in modo diretto o indiretto a più di 20 mila persone, tra Taranto e Genova. E' per questo che come Pd e come governo abbiamo assunto la responsabilità di vincere la sfida più grande della green economy: tenere insieme il destino produttivo di quest'azienda con il risanamento ambientale e sanitario degli impianti e del sito e con l'innovazione tecnologica. Il governo ha stanziato 800 milioni per la bonifica e il decreto contiene un'integrazione al reddito fino al 70% per i lavoratori di Genova Cornigliano, con uno stanziamento di 1 milione e 700 mila euro. Per i lavoratori che stanno manifestando in Liguria, l'approvazione di questo provvedimento è una buona notizia e l'altra è che il governo parteciperà il 4 febbraio all'incontro del comitato di vigilanza che si terrà a Roma.

Alla mia precisa domanda, la sottosegretaria Vicari ha chiarito che non è mai stata in discussione la presenza del governo. Noi abbiamo la responsabilità del realismo, le chiacchiere e gli scenari catastrofici li lasciamo a chi parla e basta". Lo dice il senatore del Pd Massimo Caleo, vicepresidente della Commissione Ambiente ed eletto in Liguria, che oggi è intervenuto nell'Aula del Senato.
"Come già anticipato dai commissari Ilva - prosegue Caleo - per Genova verranno stanziati anche fondi tra i 6 e gli 8 miliardi per completare l'investimento sugli impianti di zincatura, per allineare le linee produttive al mercato e riassorbire 80-100 lavoratori. Bisognerà seguire con grande attenzione tutte le fasi della vendita, verificare i piani industriali anche sotto il profilo dell'innovazione tecnologica, lavorando con assoluta determinazione per mantenere i livelli occupazionali. Per raggiungere questi obiettivi serve anche un clima più sereno tra le parti e solo un mondo del lavoro unito può tutelare il reddito di migliaia di famiglie".

Questo sito usa i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile di navigazione. Continuando acconsenti all’utilizzo dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information