Pesca, tardiva erogazione fondi FEAMP per fermo biologico, il ministero risponde all'interrogazione della Sen. Donatella Albano Pd

Roma, 14 dicembre 2017

peschereccioIl Ministero delle Politiche Agricole ha risposto ieri all'interrogazione della Sen. Donatella Albano PD, vicepresidente della Commissione Agricoltura, sulla tardiva erogazione dei fondi FEAMP ai pescatori che hanno effettuato il fermo biologico, confermando che su 2089 domande ricevute riguardo l'anno 2015, solo 1269 richieste sono state giudicate ammissibili alla ricezione del contributo, spesso a causa di insufficiente documentazione a supporto della domanda stessa, per questo il ministero è ancora in attesa di ulteriori integrazioni da parte di alcuni richiedenti non ammessi.
"Nel mese di luglio è stata pubblicata la prima graduatoria parziale dei beneficiari" afferma la senatrice ligure, "ma anche a causa dell'interruzione del sistema finanziario informatico di pagamento dell'IGRUE MEF di circa un mese e mezzo da fine luglio, solo 96 pagamenti sono stati effettuati, mentre si è ancora all'inizio della fase istruttoria per quanto riguarda le domande dell'anno 2016. Ho fatto presente al vice ministro Olivero che si tratta di un ritardo pesantissimo per le imprese ittiche italiane, già penalizzate dalle quote tonno e spada nonchè da periodi di fermo non proprio adatti al nostro Paese, al quale occorre porre rimedio con celerità, perchè nel frattempo i pescatori hanno comunque dovuto espletare i loro adempimenti fiscali, produrre un reddito sufficiente al loro sostentamento e provvedere agli stipendi dei loro dipendenti".

Agropirateria, Sen. Albano PD: "Grazie ai ministri Orlando e Martina e al presidente Caselli per l'introduzione della fattispecie di reato, passo importante per la tutela della legalità e della salute"

Roma, 1° dicembre 2017

donatella-albano web"Finalmente in Consiglio dei Ministri è stato dato il via libera al reato di agropirateria, che punisce la vendita di prodotti alimentari accompagnati da falsi segni distintivi o da marchi di qualità, Dop e Igp, contraffatti e prevede delle aggravanti in caso di falsi documenti di trasporto o di simulazione del metodo di produzione biologica, si tratta di un importantissimo provvedimento che tutelerà non solo il Made in Italy ma il rispetto della legalità e della salute dei consumatori" afferma la Sen. Donatella Albano del Partito Democratico, vice presidente della Commissione Agricoltura, "grazie al procuratore Giancarlo Caselli e ai Ministri Orlando e Martina per il grande lavoro svolto che si va ad aggiungere alle leggi contro il caporalato per garantire la massima sicurezza e il rispetto delle leggi nella filiera agroalimentare, con particolare riguardo verso il contrasto del fenomeno delle agromafie".

Clima e ambiente: Caleo a Bonn chiede sostegno per le aree naturali protette

Bonn, 12 novembre 2017

Massimo Caleo a BoonIl vicepresidente della Commissione Ambiente del Senato, Massimo Caleo, è intervenuto questa mattina, domenica 12 novembre, a Bonn al forum internazionale Onu 'COP 23' sul cambiamento climatico, a cura dell'Onu e dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e di 'The Global Climate&Health alliance-alleanza globale per il clima e la salute'.
Il senatore del Partito Democratico ha preso la parola ai lavori proprio per chiedere uno sforzo maggiore, aumentando gli investimenti nelle infrastrutture verdi, negli ecosistemi sani in particolare nei parchi naturali, per il ruolo fondamentale che questi ultimi svolgono nella lotta ai cambiamenti climatici.
"È stato calcolato - spiega Caleo - che nelle sole foreste e nel suolo delle aree protette sia stoccata una quantità di CO2 quattro volte superiore alle emissioni climalteranti prodotte ogni anno in Italia, circa 460 milioni di tonnellate di carbonio. I parchi hanno quindi la vera e propria funzione di 'cassaforte del clima'. Il valore complessivo di questo servizio al mantenimento della stabilità del clima può essere stimato, per il nostro paese, in 1 miliardo e 200 milioni di euro ogni anno".

L’ok di Caleo al potenziamento del sito produttivo di Fincantieri a Muggiano

Appello agli ambientalisti: “Le necessarie tutele dalla Conferenza dei servizi”

Genova, 20 ottobre 2017

caleo2"Il processo di rinnovamento della flotta della Marina ci fa guardare al futuro con ottimismo. È fondamentale, in un contesto di tale importanza, assicurare altri spazi di insediamento a Fincantieri, seguendo l'ambito normativo e ambientale.
Sia gli imprenditori di Confindustria, sia i sindacati dei lavoratori metalmeccanici sono sulla stessa lunghezza d'onda, favorevoli nei riguardi dell'ampliamento delle banchine al Muggiano sulla scia delle commesse militari per il nostro Paese e anche per il Qatar. Hanno capito che siamo di fronte a qualcosa di unico: un'occasione d'oro nel vero senso della parola. Per questo motivo Spezia ha il dovere di puntare alla perfezione della forma.
Ben venga il pressing dei sindacati nel chiedere assunzioni fin da subito di operai e impiegati. Ben venga l'appello di Confindustria verso decisioni rapide all'ingrandimento del cantiere di Muggiano e verso il gioco di squadra del mondo politico, economico, istituzionale e militare ai quali dovrebbe aggiungersi, a mio parere, anche quello ambientalista. A questo proposito auspico un buon lavoro di analisi da parte della Conferenza dei Servizi a garanzia delle necessarie tutele ambientali. Ma, adesso, dobbiamo andare avanti, facendo presto, pensando all'ampliamento delle banchine indispensabile a far fronte a maggiori carichi di lavoro a Fincantieri e di conseguenza in tutto l'indotto.

Parchi, Caleo: “Italia Nostra stia tranquilla, Parco nazionale Portofino non avrà meno fondi” 

Roma, 6 ottobre 2017

"Voglio rassicurare Italia Nostra Genova, che in un post ha lanciato l'allarme perché il Parco di Portofino, una volta trasformato in parco nazionale dalla riforma della legge quadro sulle aree protette, riceverebbe meno fondi di quelli attuali. Non è assolutamente così, cifre alla mano". Lo scrive sul suo profilo Facebook il senatore del Pd Massimo Caleo, vicepresidente della Commissione Ambiente e relatore al senato della riforma della legge quadro sui parchi.
"L'attuale area marina protetta di Portofino, che con la riforma entrerebbe a far parte del parco nazionale - spiega Caleo -.  negli ultimi 3 anni ha ricevuto dal ministero dell'Ambiente un contributo medio annuo di circa 200 mila euro, proveniente dalla quota di riparto per le aree marine protette. Il parco regionale di Portofino ha ricevuto, nel 2016, 546 mila euro, mentre nel bilancio di previsione 2017 sono stati stanziati 561 mila euro, con un trend di riduzione rispetto agli anni 2013, 2014, 2015, in cui le risorse ammontavano ad oltre 600 mila euro.

Questo sito usa i cookie per offrirti la miglior esperienza possibile di navigazione. Continuando acconsenti all’utilizzo dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information